Home»Pro»Eni ci ripensa, venerdì il ribasso e 24 ore dopo arriva il rialzo dei prezzi

Eni ci ripensa, venerdì il ribasso e 24 ore dopo arriva il rialzo dei prezzi

0
Condivisi
Pinterest Google+

Quattro giorni dopo il secondo aumento del 2020, “firmato” da Q8, e solo 24 ore dopo l’ultimo ribasso, Eni ha aumentato i prezzi consigliati di benzina e diesel. Secondo le rivelazioni della Staffetta Quotidiana, il rincaro è avvenuto sabato. L’aumento disposto dal Cane a Sei Zampe è di 10 millesimi al litro. Eni è una multinazionale italiana della quale lo Stato controlla oltre il 30% del capitale. La compagnia è market leader nel Belpaese e quasi sempre le sue decisioni innescano quelle delle altre sigle. Non sono pertanto da escludere possibili aumenti nelle prossime ore.

Malgrado il rincaro di Eni le medie dei prezzi praticati scendono ancora

Nonostante il ritocco del Cane a Sei Zampe, le medie dei prezzi praticati comunicate dai gestori all’Osservatorio del ministero dello Sviluppo economico elaborate da SQ sono ulteriormente scese. Benzina self service a 1,368 euro al litro (-2 millesimi, compagnie 1,373 pompe bianche 1,353). Diesel a 1,255 euro al litro (-3, compagnie 1,260, pompe bianche 1,240). Benzina servita a 1,513 euro al litro (-1, compagnie 1,557, pompe bianche 1,415). Diesel a 1,403 euro al litro (-2, compagnie 1,489, pompe bianche 1,303). GPL servito a 0,588 euro al litro (invariato, compagnie 0,596, pompe bianche 0,576). Metano servito a 0,980 euro al chilogrammo (-1, compagnie 0,989, pompe bianche 0,975). GNL 0,941 euro al chilogrammo (-2,compagnie 0,941 euro/kg, pompe bianche 0,941 euro/kg).

 

Articoli precedente

Ford Mustang Mach-E, quasi 120 km di autonomia con 10 minuti alla spina

Articolo successivo

"Emergenza" per la chiamata di emergenza nel gruppo Volkswagen