Home»Pro»Squadra che vince si trasferisce: Guyton a capo di Mazda North America

Squadra che vince si trasferisce: Guyton a capo di Mazda North America

0
Condivisi
Pinterest Google+

Squadra che vince si trasferisce: Guyton a capo di Mazda North America

Squadra che vince non si cambia, ma nel caso di Mazda si trasferisce. Jeff Guyton, dal 2009 a capo delle operazioni europee, è stato promosso alla guida di quelle del Nord America. Con il primo aprile il 53enne Yasuhiro Aoyama, attuale Managing Executive Officer della casa di Hiroshima in Giappone, diventerà presidente e Ceo nel Vecchio Continente.

In Nord America Guyton ritroverà Maddocks, che ha appena lasciato l’Europa

Sull’altra sponda dell’Atlantico Guyton ritrova Colin Maddocks, recentemente nominato vice presidente e Chief Sales Finance Officer anche per il Nord America. I due manager hanno lavorato assieme con successo nel Vecchio Continente e dovranno adesso rivitalizzare il ricco mercato dall’altro lato dell’oceano. Per la casa di Hiroshima, il Nord America è la regione più importante in termini di vendite e profitti. Assieme a Toyota, Mazda sta investendo negli Stati Uniti per la realizzazione di un impianto di assemblaggio, anche se non è dato sapere quali modelli vi verranno fabbricati.

Mazda ha appena presentato sia la 3 sia il suv compatto CX-30

“È stato un vero onore guidare una grande squadra come quella che ho avuto in MME negli scorsi dieci anni e sono entusiasta di tornare negli USA in questo momento del percorso di Mazda”, ha commentato Guyton. “L’Europa continuerà a essere al centro dell’impegno di Mazda e il mio obiettivo è di fare leva sull’intelligenza e sulla competenza di tutta la nostra organizzazione per garantire che questo successo continui”, ha dichiarato il nuovo numero uno delle operazioni nel Vecchio Continente. Sia Guyton, sia Aoyama restano nel direttivo di MMC. Entrambi sono attesi da sfide importanti, se non altro perché sono appena state presentate le nuove Mazda 3 e CX-30.

Articoli precedente

Infiniti getta la spugna: addio all'Europa Occidentale agli inizi del 2020

Articolo successivo

Hyundai IONIQ Electric: conquista le Cinque Stelle Green NCAP