Home»Pro»Il nuovo giro di ribassi riguarda benzina, diesel e anche GPL

Il nuovo giro di ribassi riguarda benzina, diesel e anche GPL

0
Condivisi
Pinterest Google+

Il prezzo del greggio non si è ancora stabilizzato e così anche i listini dei carburanti, GPL incluso, hanno ricominciato a scendere dopo un giorno di relativa calma. Continua ad incidere l’annuncio dell’aumento della produzione da parte dell’Arabia Saudita ed influisce il provvedimento del presidente americano Donald Trump di sospendere i voli dall’Europa. Il nuovo giro di ribassi coinvolge tutte le sigle e tutti i prodotti principali. Eni, alla quinta sforbiciata in meno di due settimane, ha ridotto di un millesimo i listini suggeriti di benzina e diesel esattamente come IP, che però è intervenuta anche sul GPL. Tamoil ha tagliato di 2 cent al litro verde e gasolio e di uno il gas petrolifero liquefatto. Q8 ha sforbiciato solo il prezzo del GPL, -10 millesimi.

In due giorni le medie dei prezzi praticati sono calate fino a 11 millesimi

Le medie dei prezzi praticati comunicati dai gestori all’Osservatorio del ministero dello Sviluppo economico elaborate da SQ hanno subito una contrazione importante tra l’altro ieri e questa mattina. Benzina self service a 1,515 euro al litro (-11 millesimi, compagnie 1,519, pompe bianche 1,505). Diesel a 1,402 euro al litro (-11, compagnie 1,407, pompe bianche 1,388). Benzina servita a 1,654 euro al litro (-9, compagnie 1,696, pompe bianche 1,562). Diesel a 1,545 euro al litro (-9, compagnie 1,590, pompe bianche 1,445). GPL servito a 0,612 euro al litro (-2, compagnie 0,618, pompe bianche 0,603). Metano servito a 0,982 euro al chilogrammo (invariato, compagnie 0,989, pompe bianche 0,976). GNL 0,956 euro al chilogrammo (-2, compagnie 0,957, pompe bianche 0,957).

 

Articoli precedente

L'aggiornamento del Mercedes Vito vale anche più autonomia elettrica

Articolo successivo

Mazda MX-30, la prima elettrica di Hiroshima in Italia da 34.900 euro