Home»Pro»Piovono ribassi sulle vacanze degli italiani: benzina e diesel costano meno

Piovono ribassi sulle vacanze degli italiani: benzina e diesel costano meno

0
Condivisi
Pinterest Google+

Piovono ribassi sulle vacanze degli italiani: benzina e diesel costano meno

Piovono ribassi sulla vacanze degli italiani: in meno di una settimana Eni è ha sforbiciato i prezzi quattro volte. E questa mattina Staffetta Quotidiana ha rilevato la riduzione disposta da IP e Italiana Petroli. Nelle ultime 24 ore anche Tamoil ha tagliato i prezzi. Tutti gli interventi sono stati di 10 millesimi al litro su benzina e diesel. Le sedute di mercoledì e giovedì hanno condotto ad un ulteriore deprezzamento dei due prodotti principali. Sul mercato del Mediterraneo sia la verde sia il gasolio hanno perso 13 euro per mille litri attestandosi rispettivamente a 385 e 406 euro. Per gli automobilisti che si stanno godendo le vacanze si tratta di una buona notizia, anche se le medie dei prezzi praticati sono state solo parzialmente influenzate dall’andamento del mercato.

Vacanze con riduzione medie attorno ai 4 millesimi al litro in due giorni

Ecco quelle comunicate dai gestori all’Osservatorio del ministero dello Sviluppo economico elaborate da SQ. Benzina self service a 1,591 euro al litro (-4 millesimi, compagnie 1,596, pompe bianche 1,577). Diesel self service a 1,474 euro al litro (-4 millesimi, compagnie 1,479, pompe bianche 1,456). Benzina servita a 1,718 euro al litro (-4 millesimi, compagnie 1,756, pompe bianche 1,627). Diesel servito a 1,608 euro al litro (-4 millesimi, compagnie 1,650, pompe bianche 1,507). GPL self service a 0,595 euro al litro (-1 millesimo), servito a 0,608 (-7 millesimi, compagnie 0,613, pompe bianche 0,601). Metano self service 0,978 euro al chilogrammo (invariato), servito a 0,992 (-1 millesimo, compagnie 1,003, pompe bianche 0,983). GNL 0,951 euro al chilogrammo (-4 millesimi), compagnie 0,973 (-2 millesimi, pompe bianche 0,949).

Articoli precedente

Effetti collaterali della Brexit sull'auto: produzione crolla, costi aumentano

Articolo successivo

Opel Insignia Country Tourer: un super turbo per andare (quasi) ovunque