Home»Pro»Eni, IP e Tamoil aumentano benzina e diesel con le quotazioni in calo

Eni, IP e Tamoil aumentano benzina e diesel con le quotazioni in calo

0
Condivisi
Pinterest Google+

Eni, IP e Tamoil aumentano benzina e diesel con le quotazioni in calo

Eni torna in prima fila nella corsa ai rialzi: il Cane a Sei Zampe ha disposto il secondo aumento in tre giorni su benzina e diesel. I rincari hanno riguardato anche i prodotti principali  di IP, Italiana Petroli e Tamoil: IP era intervenuta ieri sul GPL, Tamoil sabato su verde e gasolio. Gli aumenti sono stati contabilizzati da Staffetta Quotidiana questa mattina, ma ieri le contrattazioni sul mercato del Mediterraneo si erano chiuse in calo. La benzina si era deprezzata di 6 euro per mille litri (420) ed il gasolio di 1 (461). Assieme ai gestori degli impianti dovrebbero scioperare anche gli automobilisti. Quello di questa mattina è il rincaro numero 24 di Eni nel corso del 2019. Tutti i rialzi di oggi sono 10 millesimi al litro.

Crescono le medie dei prezzi praticati

Le medie dei prezzi praticati comunicati dai gestori all’Osservatorio del ministero dello Sviluppo economico elaborate hanno risentito delle ultime “scosse”. Benzina self service a 1,583 euro al litro (+3 millesimi, compagnie 1,590, pompe bianche 1,561). Diesel a 1,473 euro al litro (+2, compagnie 1,480, pompe bianche 1,454). Benzina servita a 1,708 euro al litro (+3, compagnie 1,748, pompe bianche 1,615). Diesel a 1,604 euro al litro (+2, compagnie 1,646, pompe bianche 1,507). GPL self service a 0,585 euro al litro (-1), servito a 0,60 (+1, compagnie 0,609, pompe bianche 0,590). Metano self service 0,951 euro al chilogrammo (-12), servito a 0,987 (invariato, compagnie 0,994, pompe bianche 0,979). GNL 0,954 euro al chilogrammo (+3), compagnie 0,956 euro al chilogrammo (+7, pompe bianche 0,953).

Articoli precedente

Anche il suv low cost Dacia Duster nella flotta pontificia di Papa Francesco

Articolo successivo

Tata Gravitas, il suv indiano a sette posti che debutta al Salone di Ginevra