Home»Pro»Scudieri succede a Nervo alla guida dell’Anfia: sollecitazioni al Governo

Scudieri succede a Nervo alla guida dell’Anfia: sollecitazioni al Governo

0
Condivisi
Pinterest Google+

Scudieri succede a Nervo alla guida dell’Anfia: sollecitazioni al Governo

Paolo Scudieri, ingegnere industriale classe ’60 e numero uno del gruppo Adler Pelzer, è il nuovo presidente dell’Anfia. Da gennaio subentra ad Aurelio Nervo e rimarrà in carica fino al 2021. L’elezione è avvenuta a Roma nel corso dell’assemblea generale dell’Associazione nazionale filiera industria automobilistica.

Anche in Italia l’automotive è il comparto che investe di più in ricerca e sviluppo

“Accolgo con piacere ed emozione l’incarico e ringrazio il mio predecessore per gli ottimi risultati raggiunti sotto la sua guida”, ha commentato Scudieri. Il comparto, componentistica inclusa, investe 1,7 miliardi di euro in ricerca ed innovazione, come nessun altro in Italia. In Europa l’automotive incide su questa voce con 53 miliardi. Il fatturato italiano del settore è di 100 miliardi e vale il 6% del Pil. Nel Belpaese le imprese sono 5.000 ed occupano complessivamente 260.000 addetti, tra diretti ed indiretti. “Il primo messaggio che vogliamo dare al Governo riguarda il ruolo centrale che l’industria merita nel programma del Paese”, ha messo in chiaro Scudieri. “Non c’è crescita sociale e occupazionale senza la creazione di condizioni favorevoli per il rafforzamento e l’ampliamento del tessuto imprenditoriale italiano”, ha insistito il neo presidente.

Scudieri: “Ci aspettiamo un impegno concreto per la realizzazione delle infrastrutture”

“In secondo luogo, se la strada verso la mobilità a zero emissioni è ormai tracciata e richiede all’industria investimenti ed obblighi che, se non raggiunti, comporteranno pesanti sanzioni economiche per i Costruttori, ci aspettiamo un impegno concreto alla realizzazione delle infrastrutture, oggi fortemente carenti sia in Europa che in Italia”, ha argomentato Scudieri. Ai lavori ha preso parte anche il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. L’Anfia ha anche eletto due dei presidenti dei tre Gruppi che compongono l’associazione e che sono automaticamente anche vice presidenti. Si tratta di Marco Stella (Duerre Tubi Style Group Spa) per la componentistica e di Massimo Repetto (Piaggio &C. Spa) per i costruttori. Per Reopetto si tratta di una conferma. Il terzo è Giorgio Gamberini (Blutec) per i progettisti ed i carrozzieri.

Articoli precedente

Richiamo globale per la Lamborghini Gallardo: è un caso di "spie"

Articolo successivo

Fiat 500 serie F: esposta per la prima volta al MoMA di New York