Home»Pro»Il primo ribasso del 2019 è stato di Tamoil. Ma è rimasto senza seguito

Il primo ribasso del 2019 è stato di Tamoil. Ma è rimasto senza seguito

0
Condivisi
Pinterest Google+

Il primo ribasso del 2019 è stato di Tamoil. Ma è rimasto senza seguito

Due giorni fa Tamoil aveva trovato lo spazio per ridurre di un cent al litro i prezzi consigliati di benzina e diesel. La sforbiciata era arrivata dopo che le quotazioni erano scese in maniera significativa, rispettivamente di 15 e 12 euro per mille litri. I due prodotti si erano attestati a 381 e 459 euro per mille litri. L’intervento sui listini è tuttavia rimasto senza seguito. Sia ieri sia oggi Staffetta Quotidiana non ha rilevato altri tagli. Si tratta di una nuova conferma di come gli adeguamenti scattino velocemente quando si tratta di aumentare i prezzi, ma siano decisamente lenti quando si tratta di abbassarli. E gli automobilisti non hanno modo di opporsi a questa dinamica, che in Italia è amplificata dall’altissima imposizione fiscale. Quello di Tamoil è il primo ribasso del 2019.

L’ultima riduzione dei prezzi risale a prima di Natale

Le medie dei prezzi praticati comunicati dai gestori all’Osservatorio del ministero dello Sviluppo economico elaborate da SQ hanno continuato a salire rispetto all’ultimo aggiornamento che abbiamo pubblicato, quello del 25 febbraio. Gli ultimi ribassi risalgono a prima di Natale, anche se all’ora erano state IP e Italiana Petroli (e non Tamoil) ad intervenire). Benzina self service a 1,541 euro al litro (+4 millesimi, pompe bianche 1,516). Diesel self service a 1,480 euro al litro (+4 millesimi, pompe bianche 1,456). Benzina servita a 1,667 euro al litro (+5 millesimi, pompe bianche 1,565). Diesel servito a 1,607 euro al litro (+4 millesimi, pompe bianche 1,502). GPL a 0,647 euro al litro (+5 millesimi, pompe bianche 0,635). Metano a 0,952 euro al chilogrammo (invariato, pompe bianche 0,985).

tamoil

 

 

Articoli precedente

La nuova Ginetta da 600 CV, una supercar non elettrica a Ginevra

Articolo successivo

Governicchio: non si sa come pagare il malus, né come richiedere il bonus