Home»Pro»Total Quartz Auto Service arriva in Italia, aperta a Milano la prima officina

Total Quartz Auto Service arriva in Italia, aperta a Milano la prima officina

0
Condivisi
Pinterest Google+

Total Quartz Auto Service arriva in Italia, aperta a Milano la prima officina

La prima officina italiana della rete Total Quartz Auto Service ha aperto a Milano, in Via Casoretto 45. La compagnia francese del settore energetico “raccomanda” con la credibilità del proprio nome una serie di officine indipendenti. I centri accreditati sono specializzati nel cambio dell’olio e nella manutenzione dell’auto.

Oltre 2.000 officine specializzate e accreditate nel mondo

La rete mondiale Total Quartz conta su 2.000 officine certificate in tutto il mondo. Il progetto nasce dall’esperienza internazionale della società, dalla qualità del marchio e dalla capacità di commercializzare lubrificanti in oltre 150 paesi. Con l’adesione alla rete, le officine possono beneficiare di un vasta gamma di prodotti in continuo aggiornamento, del supporto alla visibilità grazie alle attività Total che include la partnership con CercaOfficina.it, di un programma di formazione tecnica e commerciale continuativo.

Estendere il Total Quartz Auto Service in tutto il Paese

Per l’Ad di Total Italia, Filippo Redaelli, il progetto Total Quartz Auto Service consente alla società di entrare “a pieno titolo in un settore, quello della manutenzione automotive, in cui Total ha un forte know-how”. “Siamo orgogliosi di inaugurare la prima officina della rete in Italia, ma con l’obiettivo di estenderla a tutto il territorio nazionale”, ha aggiunto. Dopo aver ceduto le attività di distribuzione del carburante per auto, il gruppo francese che opera nel Belpaese da più di 60 anni continua a commercializzare quelli per l’aviazione e per i veicoli industriali. Vende anche lubrificanti (del quale è il quarto distributore al mondo), fluidi e solventi speciali.

 

 

Articoli precedente

Benzina e diesel, rialzi IP e Italiana Petroli. Rincaro è metà di quello di Eni

Articolo successivo

Bus a due piani convertiti, il turismo cittadino diventa a zero emissioni