Home»Retro»Aston Martin DB5 Goldfinger Continuation: (ri)nasce l’auto di 007

Aston Martin DB5 Goldfinger Continuation: (ri)nasce l’auto di 007

0
Condivisi
Pinterest Google+

Aston Martin DB5 – La prima customer car del programma continuation di DB5 Goldfinger ha recentemente lasciato la linea di produzione. La DB5 ‘Job 1’ è la prima nuova DB5 ad essere costruita da Aston Martin in oltre mezzo secolo. Il programma continuation della casa automobilistica britannica di auto sportive di lusso fa ancora una volta la storia.

Ritenuta “l’auto più famosa al mondo” e rinomata per essere tra i modelli Aston Martin classici più ambiti e ricercati, la DB5 è diventata sinonimo di stile senza tempo e tra le auto sportive più desiderate. Tra il 1963 e il 1965 furono costruiti meno di 900 esemplari, il più famoso tra i primi proprietari fu l’agente segreto più noto al mondo. James Bond guidò per primo l’auto che oggi è indissolubilmente legata a lui nel film del 1964, Goldfinger.

Oggi, a 55 anni dall’uscita dell’ultima nuova DB5 dalla linea di produzione nell’allora sito produttivo Aston Martin a Newport Pagnell, nel Buckinghamshire, i lavori sono in corso e concentrati su un numero strettamente limitato di nuovi modelli DB5. Le auto in costruzione si distinguono per la presenza di una serie di gadget funzionanti simili a quelli precedentemente visti solo su auto usate per le riprese.

Aston Martin DB5 Goldfinger Continuation

Oppure per la promozione dei film di James Bond. Le nuove auto comprendono una serie di dispositivi funzionanti creati dal supervisore agli effetti speciali del film Bond Chris Corbould OBE. La lista di gadget comprende, tra l’altro, targhe rotanti, (finte) mitragliatrici e una protezione antiproiettile posteriore.

Ognuna delle 25 nuove auto sono riproduzioni autentiche minuziosamente dettagliate delle DB5 viste sullo schermo. Tutte le vetture dell’edizione Goldfinger sono state costruite secondo una specifica di colore esterno – vernice Silver Birch – proprio come l’originale.

Sono inoltre dotate di pannelli esterni in alluminio in pieno stile DB5 originale, che mascherano una struttura del telaio in acciaio. Sotto il cofano il motore 6 cilindri in linea aspirato, 4.0 litri, da 290 cv. Al suo fianco un cambio manuale ZF a cinque velocità e la trazione posteriore, che presenta anche un differenziale a slittamento meccanico limitato. Non mancano neppure freni a disco idraulici servoassistiti Girling in acciaio, sterzo a pignone e cremagliera e un assetto specifico.

Le prime consegne delle DB5 Goldfinger Continuation ai clienti sono iniziate e proseguiranno nei prossimi mesi.

Aston Martin DB5 Goldfinger Continuation

 

 

Articoli precedente

Mercato auto usate: timidi segnali di ripresa

Articolo successivo

Citroen SpaceTourer: la versatilità francese si aggiorna