Home»Retro»La Peugeot 404 compie 60 anni

La Peugeot 404 compie 60 anni

0
Condivisi
Pinterest Google+

La Peugeot 404 compie 60 anni. Un traguardo notevole, per una vettura importante. La 404 inaugura la Serie 04, sostituisce la precedente 403 ed è caratterizzata da una linea disegnata da Pininfarina. Come da tradizione del brand, alla versione berlina vengono affiancate le versioni cabriolet e coupé, prodotte presso gli stabilimenti Pininfarina con la meccanica montata però a Sochaux, quartier generale della Peugeot.

La Peugeot 404 venne presentata ufficialmente nell’aprile del 1960, alle porte del centro di produzione di Sochaux. Si trattò del primo step di un progetto nato ancora prima del 1960, dalla collaborazione di Pininfarina per lo studio dello stile della precedente 403.

Alle sapienti mani del designer italiano venne affidata anche la produzione dell’intera gamma turismo della 404. Vettura dalla linea filante e moderna. Il motore della 404 fu un’evoluzione del motore della 403, ma potenziato, grazie a una cubatura di 1.618 cm3 contro i 1.468. Particolare fu la sua sistemazione nel vano motore, in quanto venne posizionato non più in verticale, ma leggermente inclinato per limitare l’altezza del vano motore.

Peugeot 404

Nell’ottobre 1961 il marchio presentò al Salone dell’auto di Parigi la versione cabriolet della 404, mentre l’anno successivo vide la luce anche la carrozzeria coupé. Il 1966, infine, fu un anno importante che vide una importante novità stilistica sul frontale: la griglia accolse infatti i nuovi fari di profondità, innovazione capace d’incrementare il successo della vettura. Con la comparsa nel settembre 1968 della 504 Coupé, la 404 Coupé venne ritirata dal mercato.

La produzione di 404, però, proseguì fino al 1975 in Europa. La versione pick-up arrivò addirittura fino ad ottobre 1978. Nel corso degli anni furono tante le versioni disponibili nella gamma 404. Già perché oltre alla versione berlina, alla coupé e cabriolet, vennero introdotte anche la versione familiare addirittura a 7/8 posti e la versione commerciale a 5/6 posti. Non mancò poi anche la declinazione furgonette. Ovvero la derivazione commerciale, partendo dalla configurazione vettura, ma con due soli posti.

I numeri delle vendite sancirono il successo globale della 404: 2.885.377 esemplari totali, di cui 1.672.395 con carrozzeria berlina, 10.387 Cabriolet, 6.837 Coupé ed il restante diviso tra pick up e cabinati, commerciali e familiari.

LEGGI ANCHE –> PEUGEOT RCZ: UNA COUPÉ DI GRANDE CARATTERE

Peugeot 404

Esperienze sportive

Nel 1961, la 404 ottiene il 1°, 3° e 4° posto nella categoria inferiore ai 2.000 cm3 in una gara massacrante come l’East African Safari. Nel 1962 il Leone è primo nella classifica a squadre e secondo in classifica generale. La consacrazione avviene l’anno seguente, nel 1963, quando la  404 di Cliff e Nowicki vince per la prima volta l’East African Safari.

L’apoteosi deve ancora arrivare: a tre riprese, nel 1966, 1967 e 1968, la 404 a iniezione vince l’East African Safari. L’edizione 1966 è da girone dantesco: le condizioni climatiche sono talmente sfavorevoli che gli organizzatori sono obbligati ad allungare da quattro a dieci ore il tempo massimo ammesso. La corsa del 1967 è straordinariamente asciutta e spinge le vetture a velocità medie superiori ai 100 km/h. Nel 1968 la vittoria si ripete consolidando così l’immagine africana della vettura del Leone. Anche in Sudamerica la 404 fa faville; si aggiudica infatti nel 1963 e nel 1965 il Grand Prix d’Argentina.

LEGGI ANCHE –> PEUGEOT 405 T16: BERLINA IN FORMATO SPORTIVO

Peugeot 404

Articoli precedente

Dieselgate, ex manager VW arrestato in Croazia su richiesta degli USA

Articolo successivo

Le 10 cabrio e spider più vendute in Italia