Home»Retro»Stabilimento Porsche di Zuffenhausen: 70 anni di consegne ai clienti

Stabilimento Porsche di Zuffenhausen: 70 anni di consegne ai clienti

0
Condivisi
Pinterest Google+

Lo stabilimento Porsche di Zuffenhausen (Stoccarda) si appresta a festeggiare i 70 anni di consegne ai clienti. Il 26 maggio del 1950, infatti, è stata ritirata la prima vettura presso lo stabilimento tedesco.

La storia del ritiro in fabbrica ha avuto inizio in un campo da cui si vedeva chiaramente lo Stabilimento n. 1. È là che Ottomar Domnick ha cominciato questa tradizione nel giorno fissato per il ritiro della sua sportiva. Una Porsche 356 con carrozzeria color argento Fish Silver. Per lo specialista in neurologia e psichiatria si realizzava il sogno di sempre: essere il primo ad acquistare una Porsche in Germania.

Prima della breve cerimonia di consegna, Domnick si era seduto nella sua Porsche 356 accanto al conducente Herbert Linge, che si era offerto per fare con lui un ultimo giro di collaudo. Linge ha iniziato il suo percorso di apprendistato presso Porsche KG nell’aprile del 1943 ed è stato uno dei primi meccanici ad essere assunto al ritorno di Porsche da Gmünd, in Austria, alla fine del 1949.

LEGGI ANCHE –> IL “NUOVO” SUV DI ZUFFENUHAUSEN, ARRIVA LA PORSCHE CAYENNE COUPÉ GTS

stabilimento Porsche di Zuffenhausen

Consegna in stabilimento: una tradizione tutt’ora attiva

La Fondazione Domnick Foundation ha tutt’ora l’originale dell’ordine della vettura fatto a suo tempo, che riporta il numero 5001. L’ordine era gestito dalla concessionaria VW Hahn, dato che non esisteva ancora una rete distributiva dedicata in Germania. Sul modulo la dicitura “Volkswagen” venne cancellata con una riga tracciata a mano e sostituita con “Porsche-Sport”. Oggi, la Porsche 356 di Ottomar Domnick simboleggia l’inizio della presenza di Porsche in Germania, oltre ad essere la vettura che ha avviato la tradizione dei ritiri fatti di persona presso la fabbrica di Zuffenhausen.

Ancora oggi il ritiro dell’auto rappresenta un’esperienza speciale dai clienti. “L’aspetto più emozionante di questo primo incontro è che il cliente non ha mai davvero visto l’auto prima” spiega Tobias Donnevert, Responsabile dei Ritiri in Stabilimento e della Personalizzazione del Processo di Vendita. “Il cliente ha soltanto configurato la vettura scelta presso il Centro Porsche. Quando viene a ritirare la sua auto, la vede dunque per la prima volta dal vero.”

Nello stabilimento di Zuffenhausen, Tobias Donnevert e il suo team accolgono ogni giorno circa 20 clienti che scelgono di ritirare qui la loro vettura nuova. Nel 2019, i ritiri in fabbrica sono stati 2.500 a Zuffenhausen e quasi 3.000 a Lipsia. Prima del ritiro, i clienti possono visitare lo stabilimento. Il programma include anche una visita al Museo di Porsche. A Lipsia viene offerta ai clienti una breve panoramica della produzione dei modelli Macan e Panamera. È inoltre possibile fare un giro di prova sulla pista FIA dello stabilimento.

stabilimento Porsche di Zuffenhausen

 

Articoli precedente

Triggo, quadriciclo elettrico ad assetto variabile con passaporto polacco

Articolo successivo

Datsun a rischio estinzione, il piano "segreto" di Nissan per ridurre i costi