Home»Retro»Opel Omega: così il brand tedesco lanciava nel 1990 la sua top wagon

Opel Omega: così il brand tedesco lanciava nel 1990 la sua top wagon

0
Condivisi
Pinterest Google+

Venne presentata trent’anni fa la Opel Omega-A Top Wagon che, equipaggiata con un sei cilindri in linea 3.0 litri bialbero a 24 valvole da 200 CV, fece da apripista alle station wagon e shooting brake che popolarono la gamma da quel momento in poi.

Una storia che inizia negli anni cinquanta

Ma la storia delle familiari a marchio Opel affonda le sue origini ancora prima, negli anni cinquanta, quando la Casa tedesca presenta la versione familiare di Olympia Rekord. Il successivo capitolo è datato 1970, anno di debutto della Opel Ascona Voyage con le fiancate parzialmente rivestite in legno come era di moda in Nord America.

Una Opel Olympia Rekord del 1956

Tutti pazzi per le station: e Opel lancia la top wagon

Tornando al 1990, è quello il momento di maggior splendore per le station wagon. La Opel Omega Wagon è una vera propria granturismo alto di gamma. Abbondante spazio interno, ambienti eleganti e discreti, attenzione alle problematiche ecologiche, comfort e insonorizzazione senza compromessi. Tutte caratteristiche che si coniugano con prestazioni brillanti: la velocità massima arriva a 230 km/h e l’accelerazione da 0 a 100 si consuma in 8 secondi netti.

La dinamica della Opel Omega 3000 24V Station Wagon è sottolineata dal suo aspetto aggressivo: spoiler inferiori anteriore e posteriore, bandelle sottoporta, fendinebbia integrati, rivestimenti interni in velluto spigato. Senza dimenticare le ruote in lega da 7.00 J x 15, il check control, il computer di bordo, la regolazione elettrica dell’inclinazione dei fari, il sedile guida regolabile in altezza e nel supporto lombare, i retrovisori esterni regolabili e riscaldabili elettricamente, l’impianto stereo con 6 altoparlanti e il volante in pelle regolabile in altezza. E, dato fondamentale per un’auto di questa categoria, una grande capacità di carico: fino a 1.850 litri con il sedile posteriore ripiegato.

Ancora oggi station protagoniste della gamma Opel

Nessuno stupore che, con una tradizione così, ancora oggi i modelli di punta del brand di Rüsselsheim siano due shooting brake, la Insignia Sports Tourer e la Insignia Gsi.

Articoli precedente

Auto per le vacanze: le 10 preferite dagli italiani

Articolo successivo

Ram 1500 TRX: ecco la bestiale anti-Raptor del gruppo FCA