Home»Retro»Renault 5 Turbo: la sportiva francese compie quarant’anni

Renault 5 Turbo: la sportiva francese compie quarant’anni

1
Condivisi
Pinterest Google+

La Renault 5 Turbo compie 40 anni. Una vera icona capace, ancora oggi, di stregare i cuori di appassionati di tutte le età. Vi assicuriamo che non stiamo esagerando, in quanto si merita effettivamente il pieno consenso da parte dell’intera community automotive. Le motivazioni sono molteplici. Dalle raffinatezze tecniche ai risultati ottenuti nel Motorsport.

Il tutto senza dimenticare il ruolo innovativo per l’epoca: una vettura così estrema prodotta da un costruttore generalista. Una mossa decisamente azzardata, rivelatasi (particolarmente) vincente. In occasione del suo quarantesimo compleanno ci sembra doveroso ripercorrere, velocemente, i tratti salienti della sua storia. A partire dall’interessante aneddoto legato alla sua nascita…

L’idea di una declinazione di carattere della nasce nel 1976, una sera, a bordo di una Renault 16, lungo il percorso Dieppe-Billancourt. Dopo una giornata di lavoro, Jean Terramorsi e il suo vice Henri Lherm stanno tornando a casa e parlano a ruota libera di una R5 speciale. Un modello che potrebbe brillare in gara, completare la gamma e utilizzare il turbo. “Sì, la prima auto francese con motore turbo a benzina, prodotta di serie”.

Jean Terramorsi, che sogna a occhi aperti e si esprime a voce alta davanti al suo vice, lavora presso la Direzione Prodotto che si occupa delle piccole serie. Propone l’idea ai suoi superiori e, in particolare, a Bernard Hanon, all’epoca CEO della Régie Renault, e a Gérard Larrousse, Direttore di Renault Sport. Un’idea che sorprenderà e piacerà. Terramorsi non riuscirà a veder nascere la propria “creatura” in quanto, purtroppo, morirà il 26 agosto 1976.

Renault 5 Turbo

Nel maggio del 1980 comincia ufficialmente la produzione di Renault 5 Turbo. Modello unico, quasi niente optional e scelta tra due tinte (Blu Olimpo e Rosso Granata). Nelle auto blu gli interni sono rossi e viceversa. Il motore che la spinge, collocato in posizione posteriore centrale longitudinale, è un 4 cilindri in linea di 1.397 cc di cilindrata ed eroga 160 cv. Al suo fianco una trasmissione manuale a cinque rapporti e la trazione posteriore.

Le scocche sono realizzate a Flins. È da qui che escono e prendono la strada per Cerisay, dove vengono adattate al progetto sportivo dal celebre allestitore Heuliez. Rispedite in camion presso gli stabilimenti Alpine, a Dieppe, vengono poi assemblate. Segue il collaudo su strada nella campagna normanna. Due anni dopo il debutto, nel 1982, vengono introdotte alcune novità di rilievo tra cui scambiatori più performanti, porte in lamiera (e non più in alluminio) e nuove tinte di carrozzeria.

Al Salone di Parigi del 1982 entra in scena la Renault 5 Turbo 2, che si distingue dal modello precedente per alcuni dettagli, come gli interni: la vettura cambierà i suoi connotati abbandonando l’abitacolo e i sedili sofisticati firmati Bertone per adottare gli elementi, i sedili e le finiture interne di Renault 5 Alpine Turbo. Le principali caratteristiche tecniche dei due modelli sono pressoché identiche.

Complessivamente, tra il 1982 e il 1986, saranno prodotte 3.167 Renault 5 Turbo. Last but not least, è doveroso menzionare che al successo del modello hanno contribuito anche le declinazioni corsaiole, nate appositamente per correre nei rally e in competizioni agonistiche. Stiamo parlando delle Renault 5 Turbo Cévennes, Renault 5 Turbo Tour de Corse, Renault Maxi 5 Turbo e Renault Maxi 5 Turbo 2.

Renault 5 Turbo

Articoli precedente

Rignano lascia dopo 15 anni, cambio al vertice della Belron (Carglass)

Articolo successivo

Mini elettrica: ecco le immagini della Cooper SE a zero emissioni