Home»Auto sportive»L’Italia dell’auto al rally Raid: la Fiat PanDakar 4×4 arriva in fondo

L’Italia dell’auto al rally Raid: la Fiat PanDakar 4×4 arriva in fondo

1
Condivisi
Pinterest Google+

Dieci tappe per la storia: l’auto più venduta d’Italia, una Fiat Panda, ha completato la Dakar 2017. Una vera impresa considerando che si tratta di un modello derivato dal modello di serie: è la prima volta che un’auto italiana e una Fiat arrivano in fondo al rally race più famoso al mondo. La PanDakar del team Orobica Raid guidata da Giulio Verzeletti navigato da Antonio Cabini, si è lasciata alle spalle due soli equipaggi, ma delle 93 auto che sono partite, solamente 57 sono arrivate fino in fondo. La Dakar 2017, ridotta a dieci tappe a causa del maltempo, ha attraversato Paraguay, Bolivia e Argentina. La Fiat Panda dell’impresa è equipaggiata con il motore 2.0 Multijet da 180 CV completamente di serie. Le uniche modifiche hanno riguardato l’assetto in modo tale da adattare l’auto alle sollecitazioni estreme della competizione.

Verezelletti ha già all’attivo 15 Dakar, tra auto, moto e truck, mentre Cabini è ha quota 20. L’aspetto motoristico è stato curato da Nicola Montecchio. La PanDakar, prima utilitaria strettamente derivata da un veicolo di serie a terminare la competizione, è stata sottoposta ad ogni genere di sollecitazione: 7 prove speciali hanno superato i 400 km, di cui una ha superato i 500 e per ben 5 giorni e più di 2.200 km vettura ed equipaggio hanno dovuto fronteggiare quote sopra i 3.500 metri. Il primo equipaggio italiano della Dakar 2017 si è classificato al 31° posto con una Toyota Land Cruiser 155 a 21 ore e 9 minuti dal vincitore Stéphane Peterhansel: si tratta di Dario e Aldo De Lorenzo. Gianni Tassi e Massimiliano Catarsi (Ford Raptor) hanno chiuso in 41° posizione, mentre la PanDakar si è piazzata 55°, giusto davanti al Ford Raptor di Graziano Scandola e Gianmarco Fossà.

Articoli precedente

Aumenta il prezzo del GPL, medie di benzina e diesel in calo

Articolo successivo

L'edizione limitata di inizio anno, smart fortwo urbanrunner