Home»Auto sportive»Formula E, a Roma la prima vittoria di Evans, il pupillo di Webber, e Jaguar

Formula E, a Roma la prima vittoria di Evans, il pupillo di Webber, e Jaguar

0
Condivisi
Pinterest Google+

Formula E, a Roma la prima vittoria di Evans, il pupillo di Webber, e Jaguar

Senza Nelson Piquet jr, la Panasonic Jaguar ha vinto per la prima volta in Formula E: a Roma si è imposto Mitch Evans, pupillo di Mark Webber. Al neozelandese sarebbe interessata la Porsche, che cerca sempre il secondo pilota, quello da affiancare a Neel Jari per il suo debutto, nella sesta stagione.

Sette vincitori per sette gran premi elettrici

Evans è il settimo vincitore in altrettanti ePrix di questo campionato. Ha centrato la vittoria alla sua trentesima gara, dopo due stagioni e mezzo con la scuderia britannica. La gara capitolina è durata parecchio, perché dopo pochi minuti è scattata la bandiera rossa in seguito ad un “ingorgo”. Lopez (Geox Dragon Racing) è finito contro le protezioni, Jean Eric Vergne (DS Techeetah) non è riuscito ad evitare di finire nel posteriore di Gary Paffet (HWA RaceLab), sollevando la sua monoposto. Dopo un’ora la gara è proseguita e Andrè Lotterer (DS Techeetah) è rimasto in testa fino poco più di sedici minuti dal termine.

Storico primo podio per la HWA RaceLab con Vandoorne

Cioè fino a quando Evans, sfruttando l’energia suppletiva, è riuscito a sorpassarlo con una manovra “dura”, ma corretta. Lo stesso Lotterer ha riconosciuto l’abilità del giovane avversario. Il belga Stoffel Vandoorne si è classificato terzo (quarto dopo la Super Pole) ed ha così consegnato alla HWA RaceLab il primo podio della storia nel circuito full electric. Per i “big” l’ePrix di Roma è stato difficile. Sébastien Buemi (Nissan e.Dams) si è classificato quinto, giusto dietro Robin Frijns (Enivision Virgin). Nella Top 10 anche Oliver Rowland (sesto con la monoposto della Nissan dopo essere scattato 11°), Lucas di Grassi (Audi Sport Abt Schaeffler), Jerome D’Ambrosio (che con la Mahindra è risalito dalla diciannovesima all’ottava posizione), Antonio Felix Da Costa (Bmw i Andretti) e Pascal Wehrelin (Mahindra).

D’Ambrosio in testa al mondiale piloti davanti a Da Costa

Il campione del mondo in carica, Vergne, settimo all’arrivo è stato penalizzato per aver superato con la bandiera gialla ed è andato in bianco. Sam Bird (Envision Racing), vincitore lo scorso anno a Roma, era uscito di scena dopo pochi minuti. Il nuovo leader del mondiale è D’Ambrosio, che con 65 punti precede di un’incollatura Da Costa. Lotterer è risalito fino alla terza posizione (62) ed Evans fino alla quarta (era undicesimo) con 61. Il brasiliano di Grassi è quinto a 55. La DS Techeetah ha guadagnato il primo posto a squadre davanti alla Envision Virgin ed all Andi Sport. Fra due settimane a Parigi si corre l’ePrix numero 8 della quinta stagione della Formula E.

Articoli precedente

Nuova puntata TV: dalle citycar alle sportive, passando per suv e mpv

Articolo successivo

La KBA tedesca indaga sulle emissioni della Mercedes GLK 220 CDI