Home»Auto sportive»Formula E, oggi parte la sesta stagione: debuttano Porsche e Mercedes

Formula E, oggi parte la sesta stagione: debuttano Porsche e Mercedes

0
Condivisi
Pinterest Google+

Formula E, oggi parte la sesta stagione: debuttano Porsche e Mercedes

Dodici scuderie, 24 piloti e un solo motore per macchina: la sesta stagione (2019/2020) della Formula E scatta oggi in Arabia Saudita, dove domani si corre anche il secondo dei 14 ePrix in calendario. Le novità sono parecchie, a partire da quella che ha penalizzato Nissan, il solo tema che aveva optato per il doppio propulsore. Il regolamento lo consentiva e nel quinto campionato il team giapponese aveva optato per questa soluzione.

Ufficialmente al via anche i costruttori di Zuffenhausen e Stoccarda

La FIA l’ha poi cassata costringendo Nissan a progettare un nuovo motore. In questa nuova stagione la Formula E si presenta al completo. In griglia ci saranno le vetture della Mercedes (subentrata alla HWA Racelab che aveva maturato esperienza lo scorso campionato per conto della casa di Stoccarda) e della Porsche. Per la prima volta tutti i brand premium tedeschi si sfidano nella stessa competizione. Audi ha già vinto sia un titolo piloti sia un titolo a squadre. Il campione in carica è Jean-Eric Vergne, il primo a vincere due campionati di fila.

Squadra completamente nuova per la Geox Dragon

Il suo team, la DS Techeetah, ha conquistato l’alloro a squadre. L’unico iridato non più al via è Nelson Piquet jr: Lucas di Grassi e Sébastien Buemi ci sono sempre. Dopo l’addio di Andrè Lotterer, il solo fra i primissimi a non aver ancora vinto un ePrix, che è stato ingaggiato dalla Porsche (Neel Jani è l’alto pilota), la DS ha puntato sul portoghese Antonio Felix Da Costa. La Bmw ha così messo sotto contratto Maximilian Gunther per sostituirlo. Mercedes ha una squadra giovanissima: ha confermato Stoffel Vandoorne e assunto Nyck De Vries. La Geox Dragon ha cambiato radicalmente e schiera Brendon Hartley e Nico Muller.

Per la prima volta la Formula E sbarca in Corea del Sud e Indonesia

Tra le novità della nuova Formula E ci sono i due ePrix conclusivi con i quali il circuito torna a Londra dopo diversi anni di assenza. E ci sono le gare a Seul, in Corea del Sud, e Jakarta, in Indonesia. Tra le altre cose, d’ora in poi ai piloti verrà “sottratta” energia anche nei periodi di gara in regime di bandiera gialla. Inoltre, l’Attack Mode (potenziato di 10 kW, da 225 a 235) non potrà venire attivato con la safety car e con la Full Course Yellow. Per movimentare il pre-gara, un punto aggiuntivo andrà anche ai piloti con i migliori tempi dei turni di qualifica.

Articoli precedente

Lexus UX 300e, il crossover elettrico che arriva in Europa già nel 2020

Articolo successivo

Design più che avveniristico per il pick-up elettrico Tesla Cybertruck