Home»Auto sportive»La Nissan GT-R Nismo 2020 frena all’italiana con l’impianto Brembo

La Nissan GT-R Nismo 2020 frena all’italiana con l’impianto Brembo

0
Condivisi
Pinterest Google+

La Nissan GT-R Nismo 2020 frena all’italiana con l’impianto Brembo

Stessa potenza, ma tecnologia più evoluta: la Nissan GT-R Nismo 2020 è la variante che il costruttore giapponese ha immaginato più per la pista che per la strada. L’unità sovralimentata VR38 Dett dispone di nuovi turbo, tra l’altro sperimentati nelle competizioni, di un controllo del cambio migliorato, di una massa globale ridotta e di freni, ruote e pneumatici perfezionati.

Stesso motore da 600 CV, ma con una risposta migliorata

Il motore raggiunge sempre i 600 CV, ma assicura una risposta migliore, superiore fino al 20% rispetto a prima. Che la casa nipponica ha quantificato in 2,5 secondi in meno sul proprio circuito di prova anche grazie alla trasmissione a doppia frizione a 6 marce, aggiornata con un inedito algoritmo di gestione dell’Adaptive Shift Control. La Nissan GT-R Nismo 2020 raggiunge i 300 km/h di velocità.

Nissan GT-R Nismo 2020 con tetto in fibra di carbonio

Il peso della vettura è stato ridotto in modo significativo: solo tra paraurti, parafanghi, cofano, tetto (-4 kg grazie al massiccio impiego di fibra di carbonio) e rivestimenti vari si tratta di 20 chilogrammi. La Nissan GT-R Nismo 2020 monta pinze speciali e dischi carboceramici griffati Brembo, la società italiana il cui nuovo Ceo è un ex manager del costruttore giapponese. iI nuovi dischi sono più grandi mai montati su una performance car giapponese, con 410 millimetri sull’avantreno e a 390 sul retrotreno.

Pneumatici Dunlop che aumentato aderenza e impronta di contatto

La nuova struttura ha portato ad una riduzione di 16,2 kg di peso. Tra le novità ci sono il sistema di scarico in titanio, con estremità brunite a mano. La sterzata, assicura Nissan, è “un capolavoro di precisione e linearità“. Gli pneumatici Dunlop hanno un nuovo design ed una nuova mescola: il risultato è un incremento del 7% l’aderenza e dell’11% dell’impronta di contatto.

Articoli precedente

Porsche (57.200 auto) e Ferrari (200), richiami "premium" europei in Cina

Articolo successivo

Azionisti contro Zetsche: si complicano il rientro e la presidenza del CdS