Home»Auto sportive»Koenigsegg Jesko, la futura hypercar più veloce al mondo: quasi 483 km/h

Koenigsegg Jesko, la futura hypercar più veloce al mondo: quasi 483 km/h

0
Condivisi
Pinterest Google+

Koenigsegg Jesko, la futura hypercar più veloce al mondo: quasi 483 km/h

Segni particolari: velocissima e costosissima, due definizioni che ben si adattano alla Koenigsegg Jesko. Il modello presentato al Salone di Ginevra è già sold out. I 125 esemplari della limitatissima serie sono già venduti. E non ad un prezzo “popolare” naturalmente, che parte da non meno di 2.5 milioni di euro, al metto delle tasse.

Twinturbo da 5.0 litri alimentato a bioetanolo da 1.622 CV

Con la Koenigsegg Jesko, il costruttore scandinavo intende polverizzare il record di velocità per un’auto di serie. L’obiettivo sono le 300 miglia orarie, vale a dire quasi 483 km/h. Anche l’attuale record è in capo ad un modello realizzato dalla Koenigsegg, la Agera RS. Nel novembre del 2017 la hypercar aveva raggiunto i 457,2 orari lungo una strada del Nevada, rigorosamente chiusa al traffico. La Koenigsegg Jesko monta un’evoluzione del V8 twinturbo da 5.0 litri. Il propulsore alimentato a bioetanolo (E85) viene annunciato con 1.622 CV di potenza. La coppia dichiarata è di 1.500 Nm.

La Koenigsegg Jesko ha una trasmissione a sei frizioni

Il cambio è un concentrato di tecnologia e dispone addirittura di sei frizioni. Il missile svedese “terra-terra” pesa appena 1.420 chilogrammi e dispone della più spinta aerodinamica mai sviluppata per una Koenigsegg. La futura hypercar da Guinness è stata sviluppata su un telaio monoscocca in fibra di carbonio di 4 centimetri più lungo e di 2,2 più largo rispetto a quello della Agera RS. Stando al costruttore, i primi 83 esemplari erano già stati venduti prima ancora del debutto a Ginevra. I restanti erano stati ordinati nel giro di 5 giorni. Ma i pur danarosi clienti dovranno comunque pazientare: la Koenigsegg Jesko andrà in produzione verso la fine del 2020.

Articoli precedente

Nata per farsi notare: al volante dell'americanissima Militem JIII

Articolo successivo

"Colpo grosso" di Berrettini, 117.000 euro e prima Mercedes EQC italiana