Home»Auto sportive»Lamborghini Huracán EVO RWD Spyder: super-sportiva a cielo aperto

Lamborghini Huracán EVO RWD Spyder: super-sportiva a cielo aperto

0
Condivisi
Pinterest Google+

La Lamborghini presenta virtualmente la nuova Huracán EVO RWD Spyder. Si tratta della variante “open-air” della sportiva a trazione posteriore, presentata a inizio anno.

Lamborghini Huracán EVO RWD Spyder

A livello estetico la vettura sfoggia un nuovo splitter anteriore e alette verticali, accompagnate da prese d’aria anteriori più ampie e ben definite. Il paraurti posteriore, in nero lucido, integra invece un inedito diffusore. La capote della Spyder si ripiega sotto al cofano posteriore in 17 secondi. Anche mentre si guida, fino a una velocità di 50 km/h. A prescindere dalla posizione della capote, il conducente può anche azionare elettronicamente il lunotto posteriore, che funge da paravento, se alzato, e in grado di amplificare il suono del motore V10, quando abbassato. Sono stati inoltre previsti due cristalli laterali rimovibili, che attutiscono il rumore aerodinamico nell’abitacolo.

Lamborghini Huracán EVO RWD Spyder

Il “cuore” della Huracán EVO RWD Spyder è il vigoroso V10 aspirato, in grado di sprigionare 610 cv e una coppia di 560 Nm, al pari della versione coupé. Le sue prestazioni risultano decisamente interessanti: sprint da 0 a 100 km/h bruciato in 3,5 secondi e una velocità di punta pari a 324 km/h.

A livello tecnico, la vettura poggia su un telaio ibrido leggero in alluminio e fibra di carbonio, con un peso a secco di 1509 kg. Il rapporto peso/potenza è sorprendente: 2,47 kg/cv. La distribuzione del peso segue un rapporto 40/60. I freni in acciaio ventilati e forati a croce sono accompagnati da cerchi Kari da 19” con pneumatici Pirelli P Zero progettati ad hoc. In alternativa, si può optare per cerchi da 20” e freni carboceramici.

Le prime consegne della Huracán EVO RWD Spyder sono previste per l’estate, con un prezzo di partenza fissato a 175.838 euro.

Lamborghini Huracán EVO RWD Spyder

Articoli precedente

Sorpresa, due terzi dei tedeschi contrari agli incentivi pubblici sull'auto

Articolo successivo

Peugeot RCZ: una coupé di grande carattere