Home»Auto sportive»Mortara (Venturi) vince l’ePrix di Hong Kong, il numero 50 della Formula

Mortara (Venturi) vince l’ePrix di Hong Kong, il numero 50 della Formula

0
Condivisi
Pinterest Google+

Mortara (Venturi) vince l’ePrix di Hong Kong, il numero 50 della Formula

Edoardo Mortara ha vinto l’ePrix di Hong Kong, il cinquantesimo della storia della Formula E. Il pilota svizzero con passaporto italiano si è regalato il primo successo nel campionato elettrico dopo aver sprecato un anno fa sullo stesso circuito per aver inseguito anche il giro veloce quando era nettamente al comando. Ma è anche la prima affermazione per il team monegasco Venturi, che ha festeggiato anche per la quinta posizione di Felipe Massa.

Penalità  di 5” a Bird, che aveva tamponato Lotterer quando era primo

La gara è stata tutt’altro che “lineare”. Sempre con un anno fa, il pilota salito sul gradino più alto del podio non è poi risultato quello che ha vinto. Nel 2018 era toccato a Daniel Abt venire squalificato a beneficio di Felix Rosenqvist, quest’anno Sam Bird è stato penalizzato di 5 secondi. Il britannico della Envision Virgin ha centrato Andrè Lotterer (DS Techeetah) prima dell’ultimo giro, forandogli una gomma e facendolo precipitare dalla prima alla 14° posizione. Bird è stato declassato in sesta posizione: gli 8 punti del piazzamento sommati a quello del giro veloce gli bastano per superare Jerome D’Ambrosio (Mahindra) in testa alla classifica mondiale (54). Sia il belga sia il compagno di squadra Pascal Wehrlein sono usciti presto di scena dopo essere rovinati addosso a Felipe Nasr (Nissan e.Dams) pochi minuti dopo la partenza. Per liberare la pista – bagnata – i commissari hanno esposto la bandiera rossa.

Formula E avvincente, i primi quattro della classifica in soli 3 punti

Nei restanti 34 minuti di gara Jean Eric Vergne (DS Techeetah) ha  guidato di nuovo male e Sébastien Buemi (Nissan e.Dams) ha dovuto ritirarsi, così come il clamoroso poleman. Cioè il belga Stoffel Vandoorne, che ha regalato i primi punti alla HWA Racelab, il team che lavora al prossimo debutto della Mercedes. In prima fila anche il compagno di squadra Gary Paffet, poi ottavo. Sul rivoluzionato podio (virtuale, visto che la decisione dei commissari è arrivata con parecchio ritardo) sono saliti poi Lucas di Grassi (Audi Sport Abt Schaeffler) e Robin Frijns (Envision Virgin). Il 23 marzo a San si corre il sesto ePrix della sesta stagione. D’Ambrosio si presenta come secondo (53 punti) e di Grassi e Mortara quali terzi (52). La Envision Virgin resta prima tra i team con 97 punti seguita dall’Audi Sport Abt Schaeffler (86) e dalla Mahindra (83).

Articoli precedente

Nella nuova puntata TV vi "porteremo" al Salone di Ginevra 2019

Articolo successivo

Yellow in TV: Speciale Salone di Ginevra 2019 - Parte I