Home»Auto sportive»La sesta volta di Ogier al Rally del Messico, il coronavirus colpisce il WRC

La sesta volta di Ogier al Rally del Messico, il coronavirus colpisce il WRC

0
Condivisi
Pinterest Google+

Sébastien Ogier (Toyota Yaris) ha vinto il “suo” rally, cioè quello del Messico, dove ha trionfato per la sesta volta eguagliando così il primato dell’alto asso francese, Sébastien Loeb. Ogier ha assunto il comando dopo la seconda cronometrata di venerdì e ha archiviato la trasferta sudamericana con la 48esima affermazione in carriera. Un successo almeno in parte “menomato” dal coronavirus. Per evitare restrizioni ai rientri in Europa della carovana del World Rally Championship, sono state cancellate le cronometrate di oggi, domenica. Si tratta di 56 chilometri in meno, inclusi quelli del power stage, i cui punti non sono stati assegnati.

Piazza d’onore per Ott Tanak e terza posizione per Teemu Suninen

Compreso l’annullamento dello stage numero 8, la terza tappa del mondiale di rally 2020 si è disputata su 20 anziché 24 cronometrate. Comunque decisamente meglio che in Svezia. Con la vittoria messicana, Ogier ha riguadagnato la testa della classifica iridata con 62 punti. Elfyn Evans, il compagno di squadra, l’ha dovuta cedere non essendo riuscito ad andare oltre il quarto posto, a 1:13.4 dal francese. Sul podio sono saliti invece Ott Tanak (Hyundai i20 Coupé) e Teemu Suninen (Ford Fiesta). L’estone ha accusato un ritardo di quasi 28”, il finnico di poco meno di 38”. Kalle Ronvanpera (Toyota Yaris), quinto, e Gus Greensmith, nono con la Ford Fiesta sono stati gli altri piloti del WRC1 entrati nella Top 10

In fiamme la Ford Fiesta di Esapekka Lappi

Esapekka Lappi ed il suo navigatore erano usciti indenni dall’incendio della proprio Fiesta venerdì, giorno che era costato la gara anche agli altri due equipaggi della Hyundai: quelli “capitanati” da Dani Sordo e da Thierry Neuville. Quest’ultimo era rientrato per dare l’assalto ai punti del power stage, ma si è dovuto accontentare del 16° posto che vale solo per la classifica a squadre. Punti necessari perché la Toyota ha dimostrato una notevole affidabilità con 3 macchine fra le prime cinque. Neuville è terzo della generale, sempre fermo a 42, 12 lunghezze dietro a Evans. Il giovane Rovanpera e lo stesso Tanak gli sono ormai vicinissimi: 40 punti uno, 38 l’altro.

Ogier guida la “fuga” del team Toyota Gazoo

Il team Toyota Gazoo ha allungato nella graduatoria a squadre portandosi a 110, mentre Hyundai è salita a 89 e la M-Sport Ford a 65. Il primo dei piloti del WRC2, Pontus Tidemand con la Skoda Fabia R5, ha chiuso sesto ed è ora ottavo della generale assoluta. Il prossimo teorico appuntamento è il rally del Portogallo, rimasto in calendario tra il 21 ed il 24 maggio. La prova argentina è stata invece posticipata, per il momento a data da destinarsi.

Articoli precedente

Yellow torna in TV: questo weekend la prima puntata

Articolo successivo

Peugeot Motorsport Academy: la scuola per i (grandi) piloti del domani