Home»Auto sportive»La “doppia vita” della Peugeot 308 TCR, protagonista in pista e di un reality

La “doppia vita” della Peugeot 308 TCR, protagonista in pista e di un reality

0
Condivisi
Pinterest Google+

La “doppia vita” della Peugeot 308 TCR, protagonista in pista e di un reality

Protagonista in pista e sul set: è il destino della nuova Peugeot 308 TCR. La declinazione da competizione della vettura del Leone debutterò il prossimo 6 luglio sul circuito di Adria nella serie Turismo. Al volante ci sarà il cinque volte campione italiano Touring Massimo Arduini, che interpreterà un doppio ruolo, esattamente come la vettura.

Motore PureTech da 1.6 litri e 350 CV per la Peugeot 308 TCR

Peugeot 308 TCR Arduini è il binomio non solo in pista, ma anche del reality a puntate che racconta le gioie ed i dolori di un pilota. La vettura è la massima espressione della compatta del costruttore transalpino. La variante da corsa è stata sviluppata dalla divisione Peugeot Sport e monta un motore PureTech benzina da 1.6 litri derivato da quello della stradale GTi. Rispetto alle rivale della serie Turismo, la Peugeot 308 TCR è quella con il propulsore più “piccolo”, visto il largo impiego delle unità da 2.0 litri.

Peugeot Sport ha realizzato appena sette telai di questa compatta da corsa

Dispone comunque di 350 CV e monta un cambio sequenziale con leve al volante. L’impianto frenante ha dischi da 370 mm, mentre le ruote sono da 18”, anziché da 19” come le gemella stradale. Il peso è di 1.100 chilogrammi. Peugeot Sport ha realizzato fino appena sette telai di questo modello, l’ultimo dei quali è destinato al Balpaese. In pista Arduini dovrà parlare attraverso i risultati, mentre davanti alle telecamere dovrà illustrare il “dietro le quinte” della vita da pilota.

Articoli precedente

Emissioni, multe salate a FCA e gruppo Volkswagen secondo AlixPartners

Articolo successivo

LightYear One, coupé fotovoltaica che col sole sfiora 800 km di autonomia