Home»Auto sportive»Jaguar Vision GT Coupé, bolide elettrico da 320 km/h per la PlayStation

Jaguar Vision GT Coupé, bolide elettrico da 320 km/h per la PlayStation

0
Condivisi
Pinterest Google+

Jaguar Vision GT Coupé, bolide elettrico da 320 km/h per la PlayStation

Almeno virtualmente, gli appassionati del marchio potranno “pilotare” la inedita, elettrica e futuristica Jaguar Vision GT Coupé a partire dalla fine di novembre. Alla consolle della PlayStation, s’intende. Lo spettacolare prototipo sportivo a trazione integrale è stato esibito al Tokyo Motor Show con la sua mostruosa accelerazione di meno di 2” da 0 a 100 km/h.

Oltre 1.000 Cv di potenza e 1.200 Nm di coppia

Il missile e zero emissioni Jaguar Vision GT Coupé è accreditato di una potenza di 1.020 CV e di una coppia di 1.200 Nm. La sfida elettrica fra i costruttori premium si trasferisce così anche sui videogiochi. Una competizione vera anche nella realtà virtuale. Per le forme, i designer della casa britannica di proprietà degli indiani di Tata si sono ispirati a storici modelli da corsa. Ad esempio alla C-Type ed alla D-Type che avevano trionfato a Le Mans, ma anche alla E-Type Lightwieght. La Jaguar Vision GT Coupé pesa appena 1.400 chilogrammi grazie all’impiego (virtuale) di metalli e materiali leggeri.

Tre motori per la Jaguar Vision GT Coupé

La velocità massima della macchina elettrica viene dichiarata in 320 km/h. Il sistema di alimentazione è basato su tre motori: uno ciascuno per le ruote posteriori e l’altro per l’asse anteriore. Malgrado sia elettrica, la GT Coupé vanta anche un rombo personalizzato. Il sound è stato creato dallo stesso team che ha sviluppato la sonorità della Jaguar I-Pace. Le tracce sonore impiegate sono quelle della D-type “603” Long Nose del 1957. Le specifiche tecniche sono imparate mutuate da quelle della I-Type 4 di Formula E e dalla I-Pace eTrophy.

Articoli precedente

Ford Mach E, suv elettrico ad alte prestazioni, in anteprima a Los Angeles

Articolo successivo

Porsche avvia la vendita online. Prima in Germania, dal 2020 in Europa