Home»Auto sportive»Toyota GR Super Sport, dal WEC alla strada per sfidare la Project ONE

Toyota GR Super Sport, dal WEC alla strada per sfidare la Project ONE

0
Condivisi
Pinterest Google+

Toyota GR Super Sport, dal WEC alla strada per sfidare la Project ONE

La Toyota GR Super Sport Concept potrebbe essere la rivale giapponese della Mercedes-AMG Project ONE, almeno in parte figlia dell’esperienza in un mondiale FIA. La tedesca è una vettura di Formula 1 omologata per la strada, la nipponica è nata sulle piste del mondiale di Endurance (WEC). Il prototipo ha debuttato al Tokyo Auto Salon 2018 nei giorni scorsi. La su

Sistema ibrido da 1.000 CV della TS050 Hybrid dell’Endurance

Il modello è stato sviluppato sulla vettura da competizione, la Toyota TS050 Hybrid. L’impegno agonistico della scuderia Gazoo – il WEC prima e dallo scorso anno anche il WRC – è il laboratorio di Toyota per portare su strade auto sempre migliori. La Toyota GR Super Sport Concept è accreditata di una potenza di 1.000 CV, sostanzialmente allineata a quella della Project ONE. L’alimentazione è basata su un V6 turbo benzina da 2.4 litri abbinato al Toyota Hybrid System Racing. La potenza, almeno nella vettura d corsa, è dichiarata equamente divisa tra il motore termico ed il sistema elettrico.

Toyota GR Super Sport non ancora pronta per l’omologazione stradale

“È l’inizio di una nuova sfida di Toyota – ha spiegato Shigeki Tomoyama, numero uno della divisione Gazoo Racing – per sviluppare auto sportive sulla base di vetture impegnate nelle competizioni”. Così come è stata esibita la sportivissima Toyota non può confidare nell’omologazione stradale. Per esempio perché non dispone di proiettori e niente che ricordi una portiera di…ordinanza. Per un’eventuale produzione di serie, comunque ridottissima, ci sarà insomma da pazientare ancora. Di sicuro il modello sembra più una possibile variante da competizione dell’attuale ibrida schierata nel WEC.

Articoli precedente

Il nuovo capo del marketing europeo Jaguar Land Rover

Articolo successivo

L'auto italiana non è innovativa, quella europea un po'. Tesla in testa