Home»Auto sportive»Pole e vittoria a Berna, Vergne e DS Techeetah dominano la Formula E

Pole e vittoria a Berna, Vergne e DS Techeetah dominano la Formula E

0
Condivisi
Pinterest Google+

Pole e vittoria a Berna, Vergne e DS Techeetah dominano la Formula E

La Formula E non finisce mai: anche a Berna, dove ha trionfato Jean Eric Vergne (DS Techeetah), la classifica è cambiata dopo l’arrivo. Andrà Lotterer, che con il bolide gemello della scuderia franco cinese si era classificato quarto, è stato raggiunto da una penalità di 12 secondi. Con il solito ritardo, i commissari gli hanno inflitto la penalità a gara terminata.

Maxi tamponamento al primo giro e 45 minuti per far riprendere la gara

Del resto il primo giro dell’ePrix svizzero è durato sostanzialmente oltre tre quarti d’ora. Tanto ci ha messo la direzione di corsa per decidere come far ripartire la corsa, sospesa dopo pochi metri per un maxi tamponamento. Malgrado i 12 punti non guadagnati dal tedesco, il compagno di scuderia ed il team hanno posto una serie ipoteca sui due titoli: individuale ed a squadre. Grazie anche alla pole, la prima di questa stagione, il transalpino ha incamerato 28 dei 29 punti possibili portandosi a quota 130. Alle sue spalle, alla partenza come all’arrivo, Mitch Evans (Panasonic Jaguar), che ha provato ripetutamente ma inutilmente a sorpassarlo.

Sul podio anche il campione di casa, Sébastien Buemi

Anche l’idolo di casa, Sébastien Buemi (Nissan e.Dams) è arrivato nella stessa posizione in cui è partito: terzo. Gli altri pretendenti al titolo sono stati penalizzati da una qualifica tutt’altro che buona. Lucas di Grassi (Audi Sport Abt Schaeffler) ha chiuso nono, dopo una rimonta di 10 posizioni. Robin Frijns (Envision Virgin) non ha chiuso la gara, mentre Antonio Felix da Costa (Bmw i Andretti) è rimasto fuori dalla Top 10. Il risultato è che alla vigilia dei due ePrix conclusivi di metà luglio a New York, di Grassi ha 32 lunghezze da recuperare a Vergne (3 vittorie in questo campionato), mentre Evans resta formalmente ancora in corsa a quota seppur distaccato di 43 punti.

Vergne ha 32punti di vantaggio su di Grassi a due ePrix dal termine

Lotterer, è scivolato al quarto posto. Fra i team, la DS Techeetah ha allungato portandosi a quota 216 contro i 173 della Audi Sport ed i 150 della Envision Virgin. La prossima stagione, la sesta, comincerà in novembre e terminerà quasi a fine luglio. Durerà sostanzialmente un mese in più e con il debutto di Mercedes e Porsche vedrà al via 24 monoposto (2 in più). Per la prima volta la Formula E sbarcherà anche in Corea del Sud, a Seul. Londra rientra nel calendario per ospitare gli ultimi due ePrix stagionali. Roma resta nel circuito per il terzo anno di fila e sarà il primo appuntamento europeo.

Articoli precedente

Nuova puntata TV: speciale dal Parco Valentino

Articolo successivo

La Audi Q5 PHEV debutta in Italia: 45 km a zero emissioni e 63.300 euro