Home»Test»Prova a metano, al volante della Audi A3 Sportback g-tron

Prova a metano, al volante della Audi A3 Sportback g-tron

0
Condivisi
Pinterest Google+

Prova a metano, al volante della Audi A3 Sportback g-tron

La Audi A3 Sportback g-tron è la sola a listino anche a metano nel segmento premium. Nell’ambito della grande offensiva del gruppo a gas naturale (le cui tecnologie vengono messe a punto da Seat per tutti i marchi), la casa dei Quattro Anelli ha deciso di rilanciare questa soluzione, affiancandola a quella elettrica. Che è ecologica ed economica.

 

Emissioni di CO2 e NOx ridotte, PM10 azzerate rispetto a diesel e benzina

Ecologica perché rispetto a benzina e diesel, il metano riduce le emissioni di CO2 ed NOx ed azzera quelle delle PM10. Economica perché con 10 euro con la Audi A3 Sportback g-tron si possono percorrere fino a 210 chilometri. Senza contare alcuni vantaggi dell’opzione monovalente (appena 9 litri di serbatoio per la benzina), che possono includere l’esenzione dal bollo. La versione a gas naturale costituisce l’accesso alla gamma con i suoi 30.400 euro (è già compreso l’aumento di 100 euro dell’aggiornamento del MY 2019 con la radio digitale). In Italia il gruppo offre 12 dei 15 modelli a listino: le altri due Audi sono di segmento D, la A4 Avant g-tron e la A5 Sportback g-tron.

 

Il terzo serbatoio da 2,9 kg aumenta l’autonomia a metano di 60 km

Le novità della Audi A3 Sportback g-tron sono il terzo serbatoio per il gas ed il nuovo motore da 1.5 litri. Quest’ultimo è il TFSI da 131 CV e 200 Nm di coppia che subentra al millequattro impiegato finora. La velocità massima passa da meno di 200 orari a 211 (+14), mentre l’accelerazione da 0 a 100 scende da 10 a 9,4 secondi. La nuova bombola è in acciaio (come sulla Leon) ed ha una capacità di 2,9 chilogrammi, vale a dire una sessantina di chilometri di autonomia in più. Che arriva a oltre 400 con il solo gas naturale includendo le altre due bombole in materiale composito (17,3 kg complessivamente).

La Audi A3 Sportback g-tron monta di serie il cambio s tronic a 7 marce

Con la benzina si possono percorrere anche 120 chilometri: significa avvicinare i 600 chilometri di raggio d’azione, guidando semplicemente nel rispetto del Codice della Strada. Nelle ripartenze il motore non è brillantissimo, ma dai 1.400 giri in poi la coppia c’è tutta. Il cambio s tronic a doppia frizione a sette marce è di serie ed è morbido nei passaggi. La guida è precisa come ci si aspetta da un’Audi, con una risposta puntuale e vivace in fase di allungo. Al navigatore vanno un po’ prese le misure ed alle plastiche dure nella parte dell’abitacolo va fatta un po’ di abitudine. La Audi A3 Sportback g-tron piace ai privati, che se optano per il metano lo fanno con grande convinzione.

Un cliente su dieci della casa dei Quattro Anelli sceglie la variante a metano

Tanto che questa variante vale il 10% dei volumi, il doppio della quota di mercato dei veicoli a gas naturale.  Il modello non fa rimpiangere le altre motorizzazioni: di sicuro non quando si fa rifornimento. Il rombo del motore è piacevolmente confortante. Con il metano non esistono limitazioni circa i parcheggi (le bombole superano test a 300 bar, anche se l’omologazione ne esige 100 in meno) e ne esistono sempre meno per il rifornimento. Perché un terzo (1.300) dei distributori europei sono concentrati in Italia. E perché Siam sta pensando di estendere la rete nazionale con altre 300 stazioni di servizio.

Articoli precedente

Prezzi medi di benzina, diesel GPL ancora in calo. Quotazioni in rialzo

Articolo successivo

Alfa Romeo Stelvio Ti, il Biscione rilancia la sigla "Turismo Internazionale"