Home»Test»Audi Q2, su strada con il suv iper personalizzabile

Audi Q2, su strada con il suv iper personalizzabile

1
Condivisi
Pinterest Google+

Il suv premium (veramente) compatto è servito: si chiama Audi Q2.  Con 4,19 metri di lunghezza, Audi Q2 è più corta della Golf, ma offre una seduta più alta rispetto alla A3. Con i suoi 15 centimetri di altezza libera da terra offre anche la possibilità di qualche escursione in fuoristrada. Si lascia apprezzare (e molto) per la spaziosità degli interni, anche al posteriore (quando si è in quattro). Anche se in Svizzera, dove abbiamo assaggiato la vettura, è impossibile “tirare” (è un’impresa anche solo avvicinare i limiti di velocità, già bassi), è risultato chiaro che anche la “piccola” Q2 è una vera Audi in quanto a tenuta di strada e dinamica di guida (utilissimo il servosterzo progressivo di nuova generazione di serie). Con il 2.0 litri turbodiesel da 150 CV è anche davvero divertente da guidare. In Italia sarà ordinabile dalla metà di luglio: il listino prezzi dell’Audi Q2 parte dai 25.000 euro per la versione base con motore TFSI a tre cilindri da 1.0 litri e 116 CV, che verosimilmente nel Belpaese verrà destinata alle flotte. Per l’entry level TDI a gasolio (1.6 litri, sempre da 116 CV) serviranno non meno di 1.000 euro in più.

Molto modaiola, l’Audi Q2 si rivolge ai giovani, metropolitani soprattutto. Ha linee inedite (per Audi sono nuovi i cosiddetti “blade”, i rivestimenti dei montanti posteriori) e “coraggiose” rispetto a quelle esibite finora dagli stilisti dei Quattro Anelli (che hanno sacrificato un po’ la visibilità posteriore) ed offre una impressionante serie di combinazioni di personalizzazione: addirittura cinque milioni (perfino il frontale è personalizzabile). Audi Q2 è una suv moderna anche per come è stata sviluppata: per il mercato (con il marketing a indirizzare gli ingegneri e non viceversa) e per quel tipo di clienti che, almeno finora, pensavano di non trovare nella gamma di Ingolstadt l’auto che cercavano.

Dal punto di vista meccanico, l’Audi Q2 può montare praticamente tutto il meglio della produzione tedesca, compresi ovviamente cambio automatico (in combinazione con tutti i propulsori) e trazione integrale. Al lancio la gamma motori comprenderà anche unità TFSI a benzina di 1.4 litri da 150 CV e di 2 litri da 190 CV, mentre la famiglia diesel TDI, oltre alle due unità già citate, offre anche un 2 litri da 190 CV, abbinato di serie alla trazione integrale.

Articoli precedente

Forti ribassi sulla benzina alla vigilia delle partenze

Articolo successivo

Dal WTCC alla Formula E, López ingaggiato da DS Virgin