Home»Test»Audi SQ7 TDI quattro: la suv diesel più potente al mondo

Audi SQ7 TDI quattro: la suv diesel più potente al mondo

0
Condivisi
Pinterest Google+

Mamma che suv: con Audi SQ7 TDI quattro, il costruttore di Ingolstadt non ha solo messo sul mercato il suv premium a gasolio più potente del mercato, ma ha soprattutto regalato a un modello di 5,07 metri di lunghezza, che in ordine di marcia pesa 3 tonnellate, una maneggevolezza impressionante. Davvero. La prova sulle strade francesi dei Vosgi, poco lontano da Basilea, ha regalato sensazioni deliziose. Soprattutto considerando l’offerta dei rivali, naturalmente tedeschi, la cui offensiva sui suv è stata importante ed ai quali Audi punta a sottrarre i danarosi clienti. Audi SQ7 è un’astronave dalla potenza inaudita – il V8 da 4.0 litri evoluzione del V8 da 4.2 – che arriva a 435 CV con una coppia massima di 900 Nm disponibile praticamente da subito grazie al debutto mondiale nella produzione di serie di un compressore ad azionamento elettrico. Affiancata ai due turbo “tradizionali” multistadio (uno dei due non viene comunque impiegato se non è indispensabile), questa tecnologia annulla l’effetto “turbo lag” e in un quarto di secondo Audi SQ7 sprigiona l’intera potenza di cui dispone. Con una pressione decisa sul pedale dell’acceleratore si “schiacciano” contro il sedile i passeggeri (al volante si avverte meno). Il sistema elettromeccanico di stabilizzazione attiva antirollio (altra novità) fa il resto assicurando un ineguagliabile comfort di bordo.

Su strada, anche quando è bagnata (in Francia ha diluviato), il suv bavarese sta come se fosse trattenuto da una calamita: sterzo preciso, cambiate immediate (tiptronic a 8 rapporti), freni all’altezza e spunto da brividi. Perfino i consumi dichiarati sono razionali: 7,2 l/100 chilometri (189 g/km di CO2). La velocità massima è di 250 km/h limitati elettronicamente. Per la prima volta, il sistema di bordo è alimentato da una rete a 48 Volt (di solito sono 12), che serve sia per il compressore sia per la stabilizzazione antirollio, ma che in futuro potrà fornire l’energia necessaria a far funzionare i sistemi di guida automatizzata. In Italia, l’entry level (una definizione ingenerosa per un modello simile) costa 97.200 euro, ma con una ricca dotazione di serie. Un secondo allestimento, più vocato al “business”, verrà proposto a non meno di 100.000. Gli ordini si aprono a giorno, il lancio commerciale è previsto per l’autunno. Come il modello da cui deriva, Audi SQ7 TDI quattro è disponibile naturalmente sia a 5 sia a 7 posti.

Articoli precedente

Abarth 595: più cavalli e differenziale autobloccante

Articolo successivo

Dopo i ribassi di TotalErg, Eni e Q8/Shell, Tamoil aumenta il GPL