Home»Test»Dacia Duster 1.5 dCi EDC: meno stress con il cambio automatico

Dacia Duster 1.5 dCi EDC: meno stress con il cambio automatico

4
Condivisi
Pinterest Google+

Dopo aver lanciato la versione con alimentazione a Gpl (leggi qui la prova) si amplia ulteriormente l’offerta della Dacia Duster. Dalla prossima primavera sarà infatti disponibile anche con il comodo cambio EDC in abbinamento al 1.5 dCi da 110 cv. Un’esclusiva della versione a trazione anteriore che andrà a proporsi a quanti vogliono il massimo del comfort e della fluidità di guida a bordo della suv rumena.

Già in uso su diversi modelli della “cugina” Renault, il nuovo cambio robotizzato a doppia frizione a sei rapporti EDC ben si sposa con il turbodiesel e la stazza della Dacia Duster. I 110 cv del piccolo turbodiesel sono più che sufficienti per muovere con disinvoltura la Duster e il cambio automatico regala passaggi di marcia sempre puntuali, veloci e pure dolci. Data l’anima turistica dell’auto mancano i comandi del cambio al volante, ma in caso di necessità è possibile utilizzare il cambio anche in modalità sequenziale agendo sulla cloche. Detto poi che con uno sterzo dalla taratura turistica (è poco diretto) e un assetto che privilegia il confort (le sospensioni non sono troppo rigide per essere una suv) la Dacia Duster 1.5 EDC non punta certo sulle prestazioni: la velocità massima dichiarata è di 169 km/h, 11,8 sono i secondi necessari per raggiungere i 100 km/h da fermo, mentre la percorrenza media dichiarata è pari a 22 km/l. Interessante sottolineare che con il cambio EDC debutta anche il sistema “hill start assist” che agevola le partenze in salita, evitando che l’auto arretri.

Per il resto la Dacia Duster 1.5 dCi EDC conferma le già conosciute qualità e difetti della suv rumena. Nonostante si tratti di un modello “low-cost”, l’aspetto personale e d’impatto la rende adatta anche chi è attento al look e alle mode. L’abitacolo è spazioso per quattro adulti e per quanto essenziale non è spartano: le finiture sono piuttosto curate per un’auto di questa fascia di prezzo grazie a plastiche robuste e accoppiamenti precisi. A non convincere del tutto sono la posizione un po’ troppo in basso dello schermo touch del sistema di infotainment (obbliga a togliere lo sguardo dalla strada) e l’insonorizzazione dell’abitacolo, migliorabile: in accelerazione il motore è sempre presente.

La nuova Dacia Duster 1.5 dCi arriverà nelle concessionarie la prossima primavera. Al momento il prezzo non è stato ufficializzato, ma per il cambio a doppia frizione si parla di circa 1.300 euro in più rispetto alla versione con cambio manuale.

Articoli precedente

La Volvo V90 veste i panni della Polizia svedese

Articolo successivo

Bmw Serie 5 "arresta" il ladro, bloccato dentro l'auto da remoto