Home»Test»Al volante della nuova Dacia Duster Gpl: più grintosa, meno dispendiosa

Al volante della nuova Dacia Duster Gpl: più grintosa, meno dispendiosa

1
Condivisi
Pinterest Google+

La Dacia Duster rappresenta, indubbiamente, la bestseller del marchio. Un modello grazie al quale la Dacia può vantare una progressiva espansione commerciale. Una tesi avvalorata dai numeri, che non lasciano spazio a dubbi interpretativi. A fine ottobre (2019) il marchio è salito di due posizioni nella classifica delle marche più vendute in Italia, passando dall’undicesimo al nono posto. Con una quota del mercato del 4,25%.

In termini di volumi, le unità vendute sono 75.239, con un incremento del 40% rispetto ai primi dieci mesi dello scorso anno. Il mercato dei privati, in particolare, si conferma quello chiave per Dacia, dove a fine ottobre ha conquistato la quarta posizione (+4 posizioni rispetto a ottobre 2018). Registrando il 6,6% di quota di mercato e oltre 63.600 unità immatricolate, (+43% rispetto allo stesso periodo 2018).

Dacia si conferma inoltre leader del mercato Gpl, con una quota di mercato del 27,7% grazie alle oltre 33mila auto vendute, con Duster primo modello straniero a Gpl in Italia (oltre 17.970 unità immatricolate). E la parte interessante deve ancora venire. Già, perché il marchio ha scelto di attuare un cambiamento importante: mandare in pensione il collaudato motore 1.6 litri bi-fuel (benzina-Gpl) in favore di un moderno 1.0 litri tre cilindri.

La Duster è ora disponibile col nuovo motore a Gpl

Dopo una proficua carriera, infatti, il 1.6 bifuel va ora definitivamente in pensione. Lasciando spazio a un’unità moderna e compatta: un mille, tre cilindri turbo, da 100 cv e 170 Nm. Il suo nome in codice è TCe 100 Eco-G.

A dispetto di quello che si può erroneamente pensare di primo acchito, la riduzione significativa della cubatura non inficerà sulle prestazioni e l’efficienza della vettura. Anzi, tutt’altro. Stando a quanto dichiarato dalla Casa, infatti, la nuova versione garantirà un miglior rendimento energetico e una maggior reattività. Il tutto a fronte di una riduzione delle emissioni di Co2 del 20% circa rispetto al modello uscente.

La capacità massima di riempimento del serbatoio Gpl rimane di 33,6 litri, ma rispetto al vecchio motore SCe, la percorrenza aumenta di oltre cento chilometri, e arriva a quota 487. Anche la capienza del serbatoio benzina resta la stessa, ma con gli stessi 50 litri i chilometri in più diventano oltre 170, per un totale di 909 chilometri con un pieno di benzina. La capacità complessiva dei serbatoi benzina e Gpl è dunque di 83,6 litri, che consente di percorrere fino a 1400 chilometri, 275 in più rispetto al vecchio SCe a Gpl.

L’integrazione del sistema di Gpl avviene direttamente negli stabilimenti Dacia, al momento della produzione. Fin dalla sua concezione il motore 1.0 è quindi predisposto per funzionare in maniera ottimale con la doppia alimentazione. Un ulteriore aspetto interessante riguarda la collocazione del serbatoio di Gpl al posto della ruota di scorta. Una soluzione che permette di lasciare invariata la capacità del bagagliaio. Esattamente come gli altri veicoli a listino, la garanzia è di tre anni o 100 mila chilometri.

LEGGI ANCHE –> DACIA 15TH ANNIVERSARY: UN OMAGGIO AI 15 ANNI DI ATTIVITÀ IN EUROPA

Dacia Duster Gpl

Un comportamento ineccepibile

Su strada, effettivamente, il TCe 100 Eco-G si comporta davvero bene. Siamo certi che nel classico impiego quotidiano risulterà (quasi) sempre all’altezza della situazione. Attenzione, però, non dovrete aspettarvi di guidare una versione particolarmente prestazionale.

D’altronde, la Duster Gpl non è nata per accelerazioni brucianti. Sebbene, se sollecitata, ai regimi alti non se la cavi per niente male. In compenso garantisce un comportamento personale -considerata la tipologia di auto – abbinato a consumi contenuti. E questo è quello che veramente conta.

Il tradizionale cambio manuale a cinque marce rappresenta una garanzia, con un comportamento ineccepibile. Ceto, avere a disposizione anche una sesta marcia, in certe situazioni potrebbe fare comodo, ma non ci si può lamentare. Un ultimo appunto sulla trazione: è anteriore, ma non temete. A meno che non decidiate d’intraprendere sterrati particolarmente avventurosi, potrete muovervi agevolmente anche su fondi stradali a scarsa aderenza senza rimpiangere l’assenza del 4×4.

Infine, i prezzi. La nuova Duster 1.0 Tce a Gpl è proposta a partire da circa 14 mila euro, ma spendendone circa 17 potrete già accedere a un allestimento decisamente completo.

Dacia Duster Gpl

Articoli precedente

L'industria dell'auto della Germania si prepara a tagliare migliaia di posti

Articolo successivo

Alfa Romeo Duetto: una Diva a livello mondiale