Home»Test»DS 3 Performance: una carismatica francese

DS 3 Performance: una carismatica francese

2
Condivisi
Pinterest Google+

Se state cercando una vettura con tanta personalità, confortevole, dal design accattivante e al tempo stesso divertente da guidare la nuova DS 3 Performance potrebbe fare al caso vostro… Visto che l’occhio vuole la sua parte, prima di tutto, inizio la mia “analisi” dall’aspetto estetico. Come tutti i nuovi modelli del brand, l’auto adotta l’espressiva firma luminosa DS Led Vision e il frontale DS Wings, contraddistinto dalla calandra esagonale verticale in cui è inserito il logo DS.

Il profilo grigio opaco, che ne enfatizza l’eleganza, si allunga verso i proiettori e verso i fendinebbia a led attraverso due ali cromate. Altri elementi che caratterizzano esternamente la DS 3 Performance sono il doppio scarico specifico, le carreggiate allargate, l’assetto ribassato, i cerchi in lega da 18 pollici diamantati neri, le pinze dei freni anteriori nero lucido e il logo specifico che richiama i colori della divisione sportiva del Marchio.

A bordo della vivace francesina, l’attenzione è subito “catturata” dai sedili: comodi, avvolgenti e confortevoli seppur dall’animo prettamente sportivo. Il conducente si trova di fronte a un’interfaccia utente rapida e intuitiva, con una disposizione semplice e razionale dei comandi, senza troppi pulsantini (diffusi in abbondanza su alcune concorrenti) per evitare distrazioni.

Detto questo, è ora di concentrarsi sulla guida. Bastano davvero poche curve in compagnia della DS 3 Performance per accorgersi della validità del prodotto. La vettura, anche a velocità sostenute, rimane sempre ben piantata in strada. Il motore, di 1.6 litri (208 CV – 300 Nm), risulta corposo e lineare nella progressione. Il cambio manuale a sei marce, preciso negli innesti, si abbina a uno sterzo fin troppo “morbido” in grado di fornire comunque un buon feedback.

Il differenziale a slittamento limitato di tipo Torsen contribuisce inoltre a garantire un’elevata motricità e tenuta di strada, a tutte le andature. Il potente impianto frenante, rivisitato per l’occasione – dischi dei freni anteriori di 323 mm con pinze specifiche e 249 mm per i freni posteriori– è sempre all’altezza della situazione e non va mai in affanno. In poche parole, i tecnici sono riusciti a realizzare una macchina divertente e sportiva che può essere utilizzatain piena sicurezza–  da tutti. Anche dai meno esperti. Un ottimale mix fra prestazioni, confort ed eleganza… capace, si, di farmi battere il cuore, colpendomi positivamente.

Dopo l’aspetto emozionale, veniamo all’aspetto economico. La DS 3 Performance –disponibile sia berlina sia cabrio– è offerta in due livelli di finitura: Performance e Black Performance, proposte rispettivamente a 27.150 euro (30.400 per la cabrio) e 32.150 euro (35.400). Per chi è alla ricerca di ancor più esclusività è inoltre disponibile una speciale edizione limitata a soli 39 esemplari in tutto il mondo, frutto della collaborazione con BRM Chronographes, maison di orologeria francese di lusso. Il modello è riconoscibile fin da subito, grazie a una colorazione dedicata: nero Lucido per il tetto e i gusci dei retrovisori abbinati alla tonalità Gold Matt della carrozzeria e DS Wings Grigio Hématite.

All’interno anche il minimo dettaglio è stato curato: la fascia della plancia è verniciata in Gold Matt che richiama la tinta della carrozzeria e un “Kit carbonio” caratterizza la console centrale, le cornici delle maniglie apriporta e i dettagli del cockpit. I 39 clienti, insieme alla vettura, riceveranno un esemplare numerato dell’orologio appositamente realizzato dalla BRM per questa parnterschip. Tale esclusività, infine, si traduce con un prezzo di vendita di 36.050 euro.

Articoli precedente

Esso abbassa benzina e diesel prima delle ferie. Cala il metano

Articolo successivo

Fiat 500 Riva, serie speciale "nautica" a Capri per il compleanno del Cinquino