Home»Test»Ford Puma, quanta intelligenza: al volante della ibrida da 125 CV

Ford Puma, quanta intelligenza: al volante della ibrida da 125 CV

1
Condivisi
Pinterest Google+

Ford Puma: se il nome vi dice qualcosa non state sbagliando, per la sua ultima proposta il marchio americano ha rispolverato quello della coupé del 1997, rispetto alla quale però cambia completamente genere. Oggi Puma è un crossover compatto, lungo 4,19 cm, uno dei più corti del suo segmento, ha un aspetto originale con tanti muscoli in evidenza e all’interno non manca lo spazio né per i passeggeri né per i bagagli.

La sorpresa della Mega Box… nessuno ci aveva pensato prima

Ed è proprio questa la particolarità più evidente delle vettura. Il bagagliaio, al quale si accede tramite un portellone ad apertura elettrica, è uno dei più capienti del segmento (401-1161 litri). E sotto al pianale di carico, con soglia bella alta e molto agevole, si nasconde la mega box. Si tratta di un vano di 80 litri impermeabile e dotato di un tappo sul fondo per lo scolo dell’acqua. Per trasportare oggetti che potrebbero sporcare l’abitacolo, ed eventualmente procedere anche al loro lavaggio. Fa pendant con questa soluzione quella dei rivestimenti dei sedili, su alcune versioni rimovibili e lavabili in lavatrice.

Tecnologica e divertente: è una Ford!

La posizione al volante è confortevole e dominante, ampio il cruscotto digitale e il sistema multimediale con schermo a sfioramento e connettività Apple CarPlay e Android Auto. Sulla versione provata non manca neppure la ricarica wireless per il cellulare alla base della consolle centrale. Quanto al piacere di guida Ford conferma anche su Puma la sua vocazione a far divertire. E’ leggera ma ha un bell’assetto, le sospensioni sono morbide eppure il rollio è contenutissimo, e lo sterzo è preciso. La versione da noi provata è la ibrida dove il turbobenzina 1.0 EcoBoost da 125 CV è abbinato ad un piccolo motore elettrico che recupera energia in fase di frenata e decelerazione. Per andare poi ad aiutare il benzina in accelerazione e fare da motorino d’avviamento in fase di Stop&Start. Risultato: brillantezza e consumi contenuti.

Ibrida, e perché no?

Tramite il selettore di modalità di guida l’auto poi si adatta al meglio alle condizioni della strada: si passa da Sport (scegliendo il quale la risposta si fa più diretta), ad Eco passando per due modalità dedicate ai fondi difficili. Unico neo delle versione ibride (oltre alla 125 CV esiste anche la 155 CV) l’assenza tra le dotazioni del cambio automatico. Il listino prezzi di Puma parte da 22.750 euro, quello della ibrida da 125 CV da noi provata da 23.250 euro.

La Puma del 1997

Articoli precedente

Nuove limited edition parisblue e cabrio suitgray per la smart elettrica

Articolo successivo

Una Toyota Corolla Full Hybrid Electric per la Presidenza del Consiglio