Home»Test»Hyundai Tucson, al volante del facelift tra i passi in val di Fassa e Badia

Hyundai Tucson, al volante del facelift tra i passi in val di Fassa e Badia

2
Condivisi
Pinterest Google+

Hyundai Tucson, al volante del facelift tra i passi in val di Fassa e Badia

La Hyundai Tucson è il primo modello del costruttore coreano a disporre della tecnologia Mild Hybrid 48 Volt abbinata al diesel da 2.0 litri e 185 CV, nel top di gamma. Il suv (questo è un facelift della generazione rilanciata nel 2015) è stato progettato, sviluppato e prodotto in Europa: non soltanto per una questione di costi, ma anche di gusti.

Best seller in Italia, in Europa e nel mondo

I clienti del Vecchio Continente hanno un debole per la Hyundai Tucson, che anche in Italia è il best seller del marchio con 60.000 unità commercializzate negli ultimi 3 anni. Esteticamente esibisce il nuovo frontale Cascading Grille con fari Full LED e i cerchi in lega da 18”. Già premiato con le 5 stelle EuroNcap, il suv coreano offre interni meglio rifiniti come confermano i materiali con cui è stata realizzata la plancia.

Suv “gentile” e ben equipaggiato da 4,48 metri di lunghezza

Con la sua posizione di guida rialzata e la sua ottima visibilità, la Hyundai Tucson è comodo è spazioso anche con i suoi 4,48 metri di lunghezza. Con il suo servosterzo elettrico R-Mdps (di serie) è istintivo da guidare e piacevole da abitare. Entrambe le cose si apprezzano soprattutto nel tragitto scelto per la prova italiana: il giro dei passi dolomiti tra la val di Fassa, in Trentino, e la val Badia, in Sud Tirolo. In qualche modo contribuisce a scacciare i pensieri anche la garanzia di 5 anni.

Hyundai Tucson con consumi di 5,5 l/10 km

L’assetto consente di godersi lo spettacolare paesaggio, tra l’altro senza doversi nemmeno preoccupare troppo dei consumi. Che per l’unità CRDi da 1.6 litri e 115 CV a due ruote motrici scendono a 5,5 l/100 km. L’unità, disponibile anche da 136 CV, è abbinata all’SCR ed allo Stop & Go. Sulla declinazione più potente è disponibile per la prima volta anche il nuovo sistema di trazione integrale a controllo elettronico HTRAC. L’equipaggiamento della rinnovata Hyundai Tucson comprende freno di stazionamento elettrico, Advanced Smart Cruise Control e Surround View.

Entry level da 22.650 euro, ma XTech CRDi in promozione da 22.200

La gamma è completata da due unità turbobenzina, sempre da 1.6 litri, da 132 e 177 CV. Il listino parte da 22.650 euro dell’allestimento XAdvanced col benzina meno potente e le due ruote motrici. Ma Hyundai offre la Tucson anche con una promozione a 22.200 euro la variante meglio equipaggiata XTech con il CRDi da 115 CV. Il prezzo vale in caso di permuta o rottamazione e con la formula i-Plus Gold. L’unità è valida ed efficiente e garantisce un allungo convincente. Anche in salita – e quelle dei passi Sella e Gardena sono decisamente impegnative – se la cava egregiamente.

Articoli precedente

Honda CR-V, prova della quinta generazione del suv più venduto al mondo

Articolo successivo

BMW X4: protagonista della nuova puntata in TV