Home»Test»Nuova Kia cee’d: da prendere GT Line e con il tre cilindri

Nuova Kia cee’d: da prendere GT Line e con il tre cilindri

1
Condivisi
Pinterest Google+

Se la prima ragione d’acquisto di un’auto in Italia è ancora il design, si comprende bene come mai il restyling della seconda generazione di Kia cee’d sia ripartito proprio da lì. Dall’anteriore ridisegnato della versione GT Line, spedita a ricoprire d’ora in poi il ruolo della sportiva in una famiglia che perde per strada la vera GT, la tre porte da 204 cv.

Spetterà quindi alla cinque e alla station il compito di portare avanti il successo di un modello dal marchio coreano sì, ma di nazionalità che più europea non si può: pensata e progettata nel nostro Continente, è a Zilina, nella Repubblica Slovacca, che la cee’d viene prodotta. E se vi dovesse restare qualche dubbio riguardo alla nazionalità della vettura sappiate che il suo nome altro non è se non l’acronimo di comunità europea, design europeo. L’apostrofo no, quello non sappiamo spiegarlo, ma viene da dire che sia più di bellezza che di una qualche utilità.

Tornando ad argomenti seri, d’ora in poi quindi i motori saranno solo due, il conosciuto diesel da 136 cv, ora disponibile anche con un nuovo cambio a doppia frizione a sette marce, e un inedito 1.0 tre cilindri declinato su due potenze, 100 e 120 CV.

Se la GT Line è l’espressione più decisa del desiderio del marchio di intercettare la voglia di curve dei suoi clienti, con fari a led, cerchi da 17, un posteriore con simil estrattore e due terminali di scarico e soprattutto un telaio irrigidito in grado di mettere in stretta comunicazione strada e pilota, pure le versioni “base” hanno beneficiato di un upgrade formale con paraurti e fari ritoccati e qualche cromatura in più. Ma non è solo un aggiornamento estetico: sul piano dei contenuti la riduzione del cx attuata anche attraverso l’inserimento di protezioni sottoscocca massimizza le potenzialità dell’auto.

Non potevamo non testare proprio l’allestimento GT Line e il nuovo mille turbo, quello da 120 CV: le prestazioni sono notevoli rispetto alla cilindrata, con il beneficio che, calibrando accortamente la pressione sul pedale del gas, l’economia di esercizio raggiunge valori che possono fare la differenza. Positivo anche il feeling dato dall’assetto GT Line, più fermo, e capace di comunicare grande controllo senza eccessivi compromessi sul fronte del comfort.

17.500 euro l’importo richiesto per accedere alla gamma della rinnovata Kia cee’d, 22.500 quello da versare per la GT Line a benzina della nostra prova.

Articoli precedente

Nuove tecnologie, interessano davvero agli automobilisti?

Articolo successivo

Problemi ai finestrini, Toyota richiama 6,5 milioni di auto