Home»Test»Citroen C3: strizza l’occhio alle crossover e punta sul comfort

Citroen C3: strizza l’occhio alle crossover e punta sul comfort

0
Condivisi
Pinterest Google+

Dopo oltre 3,5 milioni di auto vendute dal 2002 a oggi, con la nuova C3 Citroen ha deciso di voltare pagina. Abbandondate le forme arrotondate del vecchio modello, la nuova “utilitaria” della Casa francese si presenta con un look fortemente ispirato alla C4 Cactus e strizza l’occhio al mondo delle crossover. Specialmente negli allestimenti più ricchi dove il frontale decisamente importante è accompagnato dalle protezioni in plastica nera lungo i passaruota e dagli Airbump (i “cuscinetti” sulle portiere). Una soluzione non puramente estetica, dato che permette di proteggere la preziosa vernice dalle “toccatine” nei parcheggi. Cosa non da poco, considerato che per la nuova C3 si può scegliere tra 36 diverse combinazioni di colore per la carrozzeria, per dare un’aria più sportiva oppure chic alla propria auto.

Che la Citroen C3 sia completamente nuova se ne ha conferma anche quando si aprono le portiere. Adesso si viene accolti in un abitacolo più moderno (ma alcune plastiche restano un po’ economiche), grazie alla plancia dal design essenziale e originale: la fascia centrale riprende il materiale di rivestimento dei sedili (si può scegliere tra quattro diversi ambienti) e c’è un grosso schermo touch da 7” attraverso il quale si gestiscono le principali funzioni dell’auto, climatizzatore compreso. La vera “chicca”, però, è un’altra: la ConnectedCam. Grazie alla connessione con gli smartphone, premendo un tasto sotto lo specchietto retrovisore interno – posizione non comodissima, a dire il vero – si attiva una telecamera frontale che permette di fare foto e brevi video da salvare sul proprio dispositivo oppure condividere direttamente sui social network con i propri amici. Un gadget che i più “smanettoni” sicuramente apprezzeranno e che fino a dicembre viene proposto gratis insieme alla telecamera posteriore per fare manovra (fanno parte di un pacchetto dal valore di 500 euro).

Cresciuta un po’ nelle dimensioni, adesso misura 4 metri di lunghezza, la nuova Citroen C3 offre il giusto spazio (dietro stanno comodi anche due adulti) e un bagagliaio discreto: il volume varia da 300 a 922 litri.  Ma, soprattutto, rispetto al passato assicura maggior comfort e piacere di guida. Il merito è da ricercare in un nuovo sterzo, più diretto, e sospensioni riviste nella taratura che copiano egregiamente le sconnessioni stradali senza risultare troppo cedevoli in curva. Senza dimenticare sedili piuttosto morbidi che non affaticano neanche dopo diverse ore alla guida, la buona insonorizzazione dell’abitacolo (non si sentono fastidiosi fruscii aerodinamici) e i dispositivi di aiuto alla guida come il sistema che avverte se si cambia di corsia involontariamente oppure se è presente un veicolo nell’angolo cieco degli specchietti che rendono più rilassante la permanenza a bordo.

Tanto che se la si sceglie con il 1.2 turbo benzina da 110 cv della nostra prova può essere tranquillamente  l’unica auto di famiglia. Un motore a tre cilindri rotondo nell’erogazione (solo al minimo si avverte qualche vibrazione) che offre prestazioni brillanti (188 km/h la velocità massima dichiarata e 9,8 i secondi per passare da 0 a 100 km/h) e ben si sposa con il cambio automatico a sei rapporti, fluido e veloce nei passaggi di rapporto. Per chi fa un uso prettamente cittadino dell’auto, sono disponibili anche un 1.2 benzina da 68 oppure 82 cv (quest’ultimo anche a Gpl dall’anno prossimo), mentre per chi è attento ai costi di gestione c’è un 1.6 turbodiesel declinato in due livelli di potenza:  75 e 99 cv.

La nuova Citroen C3 arriverà nelle concessionarie da metà novembre con prezzi a partire da 12.250 euro. Tre sono gli allestimenti proposti: Live, Feel e Shine. Il “base” include cerchi da 15”, cruise control, sei airbag e il sistema che avverte del cambio involontario di corsia. L’allestimento Feel, per 1.250 euro in più, aggiunge climatizzatore manuale, radio con Bluetooth, luci diurne a led e le protezioni attorno ai passaruota (fino a dicembre sono inclusi anche fendinebbia, Airbump e ruote da 16”). Sulla più ricca Citroen C3 Shine, infine, per un ulteriore esborso di 1.200 euro, oltre alle dotazioni fin qui menzionate si hanno specchietti regolabili e riscaldabili elettricamente, quattro alzacristalli elettrici, clima automatico, sistema di infotainment con schermo touch da 7” e il tetto di colore diverso dalla carrozzeria (si può scegliere tra tre tinte differenti).

Articoli precedente

Dacia Duster Black Shadow: la nuova limited edition dall’animo dark

Articolo successivo

Opel Mokka X: cresce in personalità e tecnologia