Home»Test»Opel Mokka X: cresce in personalità e tecnologia

Opel Mokka X: cresce in personalità e tecnologia

0
Condivisi
Pinterest Google+

La Opel Mokka si rinnova profondamente per il 2017. Dopo essere stata la Opel più venduta del 2015, la suv tedesca cambia nome e diventa Mokka X, in accordo a una nuova nomenclatura del Costruttore: d’ora in poi la “X” indentifica tutte le versioni crossover/suv della Casa. Nome a parte, le novità della Opel Mokka X sono tante: c’è un nuovo frontale, con una mascherina più importante, e inediti fari a led che le danno maggiore personalità. Ma soprattutto, aprendo le portiere, si scopre un ambiente ancora più ricercato della precedente generazione. La plancia è stata ridisegnata e utilizza plastiche più morbide al tatto che aumentano la sensazione di qualità percepita. C’è uno schermo touch da 7 oppure 8 pollici che permette una completa integrazione con gli smartphone e nuovi rivestimenti per i sedili. Tutta una serie di aggiornamenti che permettono alla Opel Mokka X di levarsi qualche “ruga” di dosso per reggere il confronto con concorrenti sempre più numerose e agguerrite.

Come dicevamo, la sensazione di maggiore qualità a bordo della nuova Opel Mokka X è da ricercare essenzialmente in abitacolo, dove grazie alla nuova consolle centrale è migliorata l’ergonomia dei comandi: ci sono meno pulsanti e molte funzioni si gestiscono direttamente dallo schermo touch. In particolare, il sistema di infotainment Opel è davvero veloce e intuitivo da utilizzare e da fine anno si potrà richiedere anche un hotspot che permette di far navigare in wifi fino a sette dispositivi. Infine, come su altri modelli della Opel, è disponibile l’Onstar, un servizio di assistenza personale attivo 24 ore su 24 che include anche la chiamata automatica d’emergenza in caso di incidente. Con tanta tecnologia a bordo la Mokka X si dimostra anche molto sicura grazie al già conosciuto Opel Eye che legge i cartelli stradali e ai nuovi fari a led “intelligenti” che adattano il fascio di luce alle diverse condizioni stradali, in modo da garantire sempre la ottimale visibilità.

Dal punto di vista meccanico la “X” non porta novità rispetto alla “vecchia” Opel Mokka. La suvettina tedesca si conferma un’auto dalle dimensioni ideali per essere l’unica vettura di famiglia: con i suoi 4,28 metri è abbastanza compatta per muoversi in città e spaziosa per affrontare anche i viaggia più lunghi. Davanti lo spazio non manca, mentre dietro stanno comodi due adulti. Discreta è la capacità del bagagliaio, il cui volume varia da 356 a 1.372 litri. Già in vendita a partire con prezzi da 16.900 euro, la Opel Mokka X è disponibile con una gamma articolata di motori, la scelta a benzina parte da un 1.6 aspirato da 115 cv, per passare a un 1.4 turbo da 140 disponibile anche con alimentazione a gpl, fino ad arrivare al top di gamma, un 1.4 turbo nuovo da 152 cv abbinato alla trazione integrale a al cambio automatico. Se invece si preferisce un’alimentazione a gasolio le opzioni sono due: 1.6 turbodiesel da 110 cv oppure 136 e per tutte le Opel Mokka, trazione anteriore oppure integrale intelligente (con sistema elettronico che rallenta automaticamente l’auto nelle discese più ripide).

Per la nostra prova sulle strade della Scozia nei dintorni di Edimburgo, ci siamo messi al volante della Mokka X 1.6 CDTI da 136 cv con la trazione integrale. Un motore, il 1.6 turbodiesel, che abbiamo potuto già apprezzare anche su altri modelli come l’Astra: è piuttosto parco nei consumi (Opel dichiara in media 21,3 km/l), assicura prestazioni vivaci  (187 km/h di velocità massima e 10,3 secondi per raggiungere i 100 km/h da fermo) e una grande fluidità di marcia grazie ai 320 Nm di coppia da 2000 giri. Peccato solo che sulla Mokka X non possa essere abbinato a un comodo cambio automatico che avrebbe permesso di incrementare ulteriormente il comfort a bordo della suv tedesca, già decisamente di alto livello per la taratura delle sospensioni, non troppo rigide, e la buona insonorizzazione dell’abitacolo.

Articoli precedente

Citroen C3: strizza l'occhio alle crossover e punta sul comfort

Articolo successivo

Su strada con le McLaren 540C, 570S e 570GT