Home»Test»Al volante della Citroën C5 Aircross, primo modello elettrificato del brand

Al volante della Citroën C5 Aircross, primo modello elettrificato del brand

1
Condivisi
Pinterest Google+

Debutta in società la Citroën C5 Aircross plug-in hybrid. Il primo modello del processo di elettrificazione del marchio, che mira a ottenere una declinazione ecofriendly su tutta la gamma entro il 2025.

Esteticamente l’auto si distingue dalla versione convenzionale esclusivamente per delle finiture blu dedicate, loghi specifici sulla carrozzeria e la presenza dello sportellino di ricarica sul passaruota sinistro. Una giusta dose di tecnologia e un elevato livello di comodità si confermano i punti forti dell’abitacolo.

Il tutto senza dimenticare l’elevata versatilità offerta. Grazie ai tre sedili posteriori individuali, scorrevoli, inclinabili e ripiegabili la C5 risulta infatti una delle proposte più modulari del segmento. Con un volume del bagagliaio best in class, da 460 a 600 litri. La C5 Aircross plug-in hybrid sfrutta il collaudato motore 1.6 litri PureTech, affiancato da un’unità elettrica.

La potenza complessiva raggiunge i 225 cv, la coppia massima i 320 Nm. La trasmissione si affida al cambio automatico elettrificato ë-EAT8, mentre la trazione viene gestita attraverso le ruote anteriori. Infine, la batteria (da 13,2 kWh): può essere ricaricata in meno di due ore dalla wallbox – attraverso il caricabatterie opzionale da 7,4 kW- oppure in sette ore col caricatore base da 3,7 kW o la presa domestica.

Citroën C5 Aircross plug-in hybrid

Un’ottima compagna di viaggio

Una delle caratteristiche che più si apprezzano alla guida di questa C5 è data proprio dalla possibilità di poter sfruttare la vettura in modalità completamente elettrica per un chilometraggio concreto. Con la Suv francese si possono percorrere fino a 50 km in modalità a zero emissioni. In altre parole, in un tipico impiego quotidiano in città potreste praticamente non aver bisogno del supporto dato dal motore endotermico.

A tutto vantaggio del risparmio energetico, ed anche economico. L’unica accortezza che dovrete tener presente, guidando in elettrico, è quella di non essere bruschi col pedale del gas. Così da evitare il risveglio del motore a benzina. Quest’ultimo quand’è in funzione svolge egregiamente il proprio dovere. Sale di giri in maniera fluida e regolare, assecondato da una trasmissione automatica dal comportamento ineccepibile. Come accennato in precedenza, oltre alla modalità Drive potrete spostare il selettore in “B” per ottenere un recupero dell’energia finalizzato alla ricarica della batteria elettrica.

C’è da dire che in “B” avrete la sensazione di guidare un’auto leggermente frenata. Proprio per questo, una delle condizioni migliori per sfruttare la modalità è rappresentata da tratti stradali in discesa. Non trattandosi di un’auto sportiva è perfettamente legittimo che la vettura abbia un assetto morbido e confortevole. Gran parte del merito è da attribuire alle sofisticate sospensioni, che filtrano le irregolarità della strada attraverso degli smorzatori idraulici inseriti negli ammortizzatori. Indipendentemente dal tragitto, vi sembrerà di spostarvi stando seduti in salotto.

Grazie alla tecnologia Hybrid plug-in, con ricarica esterna, C5 Aircross Hybrid offre la possibilità di beneficiare d’interessanti incentivi statali. Un vantaggio che, in base alle diverse amministrazioni locali, si può sommare, ad esempio, all’accesso alle ZTL gratuito (o con pedaggi ridotti) oppure al parcheggio gratuito nelle zone di sosta a pagamento e nei posti residenti. Per quanto riguarda l’acquisto, il prezzo in promozione è pari a 32.900 euro, grazie all’Ecobonus Rottamazione Citroën di 9 mila euro sul prezzo di listino, comprensivo di Ecobonus statale auto 2020.

Citroën C5 Aircross plug-in hybrid

Articoli precedente

L'idrogeno entra in Vaticano, la papamobile Toyota Mirai a Papa Francesco

Articolo successivo

Gli organizzatori hanno annullato il Salone di Bruxelles del 2021