Home»Test»Mahindra GOA Pick-Up Plus: un veicolo essenziale, ma concreto

Mahindra GOA Pick-Up Plus: un veicolo essenziale, ma concreto

1
Condivisi
Pinterest Google+

Mahindra presenta il nuovo GOA Pick-Up Plus. Il veicolo commerciale è stato aggiornato in molteplici componenti (ben 51) per risultare più allettante per i gusti del competitivo mercato europeo. Le migliorie estetiche comprendono una calandra ridisegnata, inediti gruppi ottici con luci diurne a led, nuovo cofano motore con presa d’aria centrale e cerchi in lega da 16”. L’upgrade maggiormente significativo, però, riguarda gl’interni. La dotazione, infatti, è stata arricchita.

La versione a doppia cabina, per esempio, include uno schermo touch da 7” con infotainment e navigatore, cruise control, volante multifunzione, climatizzatore automatico e specchietti regolabili elettricamente. Non mancano neppure sedili regolabili in altezza, tergicristalli e fari automatici, due prese per la ricarica di device mobili e proiettori supplementari per visione laterale. Nel complesso bisogna premiare lo sforzo fatto dal costruttore per migliorare il modello. Di certo non si tratta ancora dell’auto più attraente o meglio rifinita della categoria, ma non mancano robustezza e concretezza. Che poi sono le qualità più importanti in questa categoria.

Mahindra GOA Pick-Up Plus

Bene in campagna, così così su asfalto

Offerto in due allestimenti, S6 e S10, due versioni, singola e doppia cabina, tutte 4×2 o 4×4, il GOA Pick-Up Plus è spinto da un motore a gasolio. Si tratta di un turbo-diesel di 2.2 litri, con una potenza accreditata di 140CV (330 Nm di coppia max.). Al suo fianco, un cambio manuale a sei marce, mentre la trazione è 4×2 posteriore, oppure nelle versioni 4WD, integrale e inseribile elettricamente.

Di serie il differenziale meccanico posteriore MLD (Mechanical Locking Differential) con bloccaggio automatico al 100%. Le capacità del GOA Pick-Up Plus nel fuoristrada sono esaltate dagli ottimi angoli caratteristici: attacco di 34°, dosso di 18 e uscita di 15. Non solo. Il vano di carico offre uno spazio ampio, versatile e accessibile, con una portata che va dai 995kg (4×4, doppia cabina) ai 1.195kg (4×2, singola cabina). E all’atto pratico, come si comporta ? Possiamo dirvi che durante il nostro primo contatto, avvenuto nei dintorni di una stupenda cascina nel pavese, ha rivelato sia gli aspetti migliori che quelli migliorabili. Partiamo dal primo punto. La campagna e le strade sterrate sono sicuramente il suo pane: il GOA ha tutte le carte in regola per affrontarle senza nessuna difficoltà. Su strada, invece, potrebbe fare di meglio. Complice lo sterzo, molto poco comunicativo, e un assetto non propriamente ottimizzato per l’asfalto, ad andature superiori agli 80 km/h mostra alcune ruvidità.

Mahindra GOA Pick-Up Plus

Prezzi e agevolazioni

Il listino prezzi del GOA Pick-Up Plus va dai 18.878 ai 27.479 euro. Bisogna però tener conto che è detraibile al 130 %, oltre alla tassa di circolazione ridotta grazie all’immatricolazione N1-Autocarro. La garanzia di tre anni, o 100 mila km, si abbina al soccorso stradale gratuito, sempre per tre anni.

Mahindra GOA Pick-Up Plus

Articoli precedente

Citroen C5 Aircross: con 180 CV e l'automatico EAT8 è meglio

Articolo successivo

Sordo vince il Rally di Sardegna grazie all'errore di Tanak nel Power Stage