Home»Test»Al volante della nuova Peugeot 2008: un’accattivante Suv

Al volante della nuova Peugeot 2008: un’accattivante Suv

0
Condivisi
Pinterest Google+

Prosegue la profonda rinnovazione della gamma Peugeot. Dopo avervi raccontato della rinnovata 208, ora è il turno della 2008. La Suv francese appare tutta nuova e con la precedente generazione condivide solamente il nome. Il design, tanto per cominciare, risulta decisamente più accattivante che in passato, grazie all’adozione di moderni stilemi. Utilizzati sui modelli di recente produzione. A tal proposito spicca, in particolar modo, il frontale. Caratterizzato da una calandra prominente, abbinata all’aggressiva impostazione della fanaleria, emana un carattere dalla marcata personalità.

Le fiancate dalle linee pulite ed essenziali conducono poi l’attenzione sul portellone posteriore, offrendo un’innegabile coerenza e omogeneità all’intera carrozzeria. Lo stile, nel complesso, è quindi deciso e molto forte, grazie anche alle ruote di grande diametro (690mm) che riempiono perfettamente i passaruota, come una Suv dev’essere. L’altezza da terra, inoltre, è ragguardevole e conferma la natura di questo nuova generazione di 2008.

Interni curati e tecnologici

Le novità proseguono a bordo. Gl’interni accoglienti, comodi e rifiniti con cura nei minimi dettagli contano su tecnologie d’ultima generazione. Su tutti svettano l’inedito i-cokpit 3D e il folto elenco di sistemi alla guida. Ancora: parte integrante della nostra vita quotidiana, gli smartphone trovano una perfetta integrazione sulla nuova 2008. L’integrazione avviene attraverso i protocolli di connessione MirrorLink, Apple CarPlay e Android Auto.

Il massimo oggi disponibile. In aggiunta alla zona di ricarica a induzione, in base alle versioni, sono disponibili fino a quattro prese USB (due anteriori, di cui una USB-C, e due posteriori). Basata sulla nuovissima piattaforma modulare di ultima generazione CMP (Common Modular Platform), la 2008 è un modello che possiamo definire multi-energia. Offre infatti la libertà di scegliere il tipo di alimentazione ideale per i propri spostamenti: benzina, Diesel o 100% elettrica, senza alcun vincolo stilistico o limitazione in termini di dotazione di bordo.

Per una guida personalizzata e adatta allo stile di guida di ciascun guidatore dispone, in base alle versioni, di un selettore della modalità di guida: eco, normal e sport. Per poter garantire adeguata trazione anche su fondi sconnessi o a basso coefficiente di attrito, l’Advanced Grip Control, disponibile in opzione, viene abbinato all’Hill Assist Descent Control (HADC), la funzione di controllo della velocità in discesa che, in presenza di forti pendenze a scarsa aderenza, permette di controllare il veicolo in tutta sicurezza. L’efficienza complessiva è stata al centro dello sviluppo dell’intero progetto e, pertanto, tutte le motorizzazioni hanno prese d’aria pilotate, cerchi in lega con flussi d’aria orientati ed il pianale carenato, il tutto per gestire al meglio i flussi d’aria ed avere un coefficiente di penetrazione aerodinamica più basso possibile.

Una gamma articolata

La gamma della Peugeot 2008 prevede quattro livelli di allestimento: Active, Allure, GT Line e GT, tutti disponibili con le varie motorizzazioni. Passando dalla teoria alla pratica, la declinazione (con motore convenzionale) che abbiamo apprezzato maggiormente durante il nostro primo test drive, sulle stupende strade della Provenza, è senza dubbio rappresentata dalla BluHDi 130 EAT8. La vettura, infatti, fornisce il giusto compromesso tra prestazioni più che soddisfacenti e consumi morigerati. Il tutto in abbinamento alla maneggevolezza e comodità tipiche del modello.

C’è anche la versione elettrica

Da non sottovalutare neppure la proposta elettrica della Peugeot 2008: con i suoi 136 cv e 260 nm disponibili da subito risulta particolarmente scattante e divertente da guidare. Non solo: con un’autonomia di 310 km nel moderno ciclo wltp elimina anche l’ansia da ricarica. Infatti, se si considera che, normalmente, per il classico impiego quotidiano (casa-ufficio) sono sufficienti 50 km, un “pieno” può durare per tutta la settimana.

Detto ciò, è doveroso sapere che i tempi dipendono dalle potenze delle fonti elettriche disponibili. Da cinque ore e 15min a otto ore per una ricarica completa da una WallBox (versione trifase 11 kW o monofase 7,4 kW) con relativo cavo di carica da 22 KW (disponibile come accessorio). 30 minuti per ricaricare la batteria all’80% da un terminale di ricarica pubblica da 100 kW, perché il sistema di raffreddamento a liquido di cui è dotato il pacco batterie permette l’utilizzo di caricatori con questa potenza.

La sua commercializzazione inizierà nel mese di gennaio (2020) con prezzi a partire da circa 21mila euro per la PureTech 100. Ma il prezzo finale d’acquisto passerà “quasi” in secondo piano. Questo perché la Peugeot propone una specifica formula di noleggio, che vi consentirà di guidare (con una rata pressoché identica) le tre alimentazioni disponibili. Ora, non vi resta che andare a scoprirla dal vivo nelle concessionarie. A partire da gennaio.

Articoli precedente

La Dacia elettrica sarà una variante europea della cinese Renault K-ZE

Articolo successivo

Yellow Motori in TV: puntata del 1° dicembre 2019