Home»Test»Al volante della nuova Renault Kadjar, ora disponibile anche 4×4

Al volante della nuova Renault Kadjar, ora disponibile anche 4×4

0
Condivisi
Pinterest Google+

La Renault Kadjar si colloca tra i riferimenti del segmento dei Suv del segmento C. Con più di 600mila unità vendute in 50 paesi nel mondo, dal 2015, ha conquistato una grande fetta di clienti grazie al design esterno moderno, al buon confort e alle doti dinamiche. La nuova Kadjar può ora contare sul know-how dell’alleanza Renault Nissan Mitsubishi relativamente alla trasmissione integrale e alle performance 4×4, non trascurando il comfort e la qualità a bordo. Con un abitacolo rivisitato per risultare ancora più piacevole nell’uso quotidiano.

Sulla Kadjar debutta un nuovo propulsore turbodiesel, da 1.7 litri, con una potenza di 150 cv (340 Nm). Va detto che le motorizzazioni a gasolio offerte per quest’auto sono moderne e dotate di un sistema di riduzione catalitica selettiva (SCR). Considerato come il più performante tra i sistemi post-trattamento degli ossidi di azoto (NOx). Tecnologia in grado di ridurre le emissioni inquinanti dei motori, senza alcun impatto sulle loro performance. Grazie all’adozione del sistema SCR le emissioni di CO2 partono da soli 115 gr/Km, nel ciclo misto NEDC BT.

Più sicura ed efficiente

Al fianco del “mille-sette”, come anticipato in apertura, troviamo un’inedita trazione integrale. Il sistema di 4×4 può essere gestito attraverso l’apposita leva di selezione, posta dietro alla leva del cambio, che consente tre differenti modalità. Si può guidare selezionando l’impostazione 2wd, per marciare solo con la trazione anteriore e contenere i consumi oppure in auto, con la ripartizione automatica della trazione. Infine, in “Lock” il sistema trasmette sempre il 50% della coppia alle ruote posteriori. Riservata ai percorsi fuori strada, questa modalità è disponibile fino ai 40 km/h. Dal contenuto, all’estetica. Sulla nuova Kadjar debutta anche la versione Black Edition. Allestimento top di gamma che comprende, tra l’altro, nuovi cerchi in lega da 19 pollici “Total Black”, ski anteriori/posteriori e cielo dell’abitacolo nero. Su questa versione è disponibile pure la nuova selleria Alcantara, con cuciture rosse.

In occasione della sua presentazione abbiamo avuto modo di effettuare un percorso di circa un’ora immersi nelle campagne pavesi, tra ripide salite/discese, buche e twist. Condizioni decisamente off-road, accentuate da una pioggia torrenziale. A differenza di quello che in molti possono pensare in questo momento, la Casa non ha sbagliato la tipologia di auto per tale percorso. Conscia del fatto che sicuramente tale situazione difficilmente si proporrà ai futuri clienti, lo ha fatto per mettere in evidenza le elevate capacità fornite dal sistema 4×4. Ed effettivamente, il risultato è notevole.

Con l’aiuto fornito dal blocco del differenziale (Lock) siamo riusciti ad uscire da situazioni d’impasse dal livello medio, senza grandi difficoltà. E se l’elevata motricità non vi servirà per andare in giro per campi, sicuramente vi fornirà una maggiore sicurezza nella vita di tutti i giorni. Specialmente quando incontrerete situazioni climatiche particolarmente avverse, come fondi scivolosi o innevati. Ottimo il comportamento su strada: la Kadjar è silenziosa, confortevole e dotata del giusto brio. Il tutto con un occhio di riguardo ai consumi.

Articoli precedente

ACI sceglie Suzuki Swift Sport per l'edizione 2020 di Rally Italia Talent

Articolo successivo

Honda svela la prima immagine della nuova Jazz