Home»Test»Peugeot 308 SW GT: una station che sa il fatto suo

Peugeot 308 SW GT: una station che sa il fatto suo

4
Condivisi
Pinterest Google+

Peugeot 308 SW. Prima della grande invasione di mercato da parte delle Suv i padri di famiglia, e non solo, andavano matti per le station wagon. Poi, i tempi e le mode sono cambiate. Ad ogni modo, questa categoria rimane sempre interessante. Tant’è che molte case costruttrici hanno a listino una serie di modelli a “coda lunga”. Come la Peugeot, con la sua 308.

… E per raccontarvela al meglio, devo assolutamente  partire dal pezzo forte: il bagagliaio. La sua capacità è di 610 litri, ma abbattendo i sedili posteriori si arriva fino alla ragguardevole soglia dei 1.700. Traducendo questi numeri in praticità, potrete tranquillamente andare a fare una spesa abbondante oppure portare in vacanza tutti i bagagli delle vostre donne. Senza grosse difficoltà. E, volendo, soccorrere il vostro amico durante un trasloco. Perché gli oggetti ingombranti, sulla 308 SW, salgono (abbastanza) facilmente.

Ovviamente non bisogna esagerare, ma di spazio ce n’è in abbondanza. Per gli amanti dello sci, un’altra bella notizia. Non sarete costretti a montare delle barre sul tetto, in quanto a vostra disposizione c’è un piccolo tunnel bagagliaio-abitacolo. Soluzione “vecchia scuola” pensata per caricare in macchina l’attrezzatura sportiva e lasciare, al contempo, una buona abitabilità per due passeggeri posteriori.

Peugeot 308 SW GT

Abitacolo confortevole e tecnologico

La versatilità e la spaziosità, a bordo, si confermano di livello. Sulla versione aggiornata dal model year le novità sono poche, ma accurate. Sostanzialmente riguardano l’adozione dell’i-Cockpit digitale di serie, su tutte le versioni. Ancora: maggiore sicurezza, grazie a un elenco Adas arricchito da moderna tecnologia. Degna di vetture appartenenti a segmenti premium. Il tutto in un ambiente sostanzialmente invariato rispetto alla precedente variante, che conferma l’essenzialità stilistica -curata ed elegante- tipica del marchio. Pochi comandi analogici, col resto della strumentazione gestibile attraverso il grande schemo touch sulla consolle centrale. Gli amanti delle dotazioni hi-tech apprezzeranno inoltre la facilità di connessione con i propri device mobili e le prese usb/12 v disseminate nell’abitacolo.

Peugeot 308 SW GT

Una buona compagna di viaggio

Il comportamento dinamico della 308 SW non è assolutamente un segreto. Piuttosto, una piacevole conferma. Questo perché abbiamo già avuto modo, in altre occasioni, di testare il collaudatissimo motore 1.5 litri turbodiesel da 130 cv. Un’unità sempre progressiva e lineare. Molto fluida nell’andatura. Certo, non bisogna aspettarsi prestazioni brucianti. In compenso, sarà sempre all’altezza del tipico impiego quotidiano. Non meno importante, vi farà ottenere consumi interessanti. Durante il test ho impegnato la 308 SW tra tortuosi tornanti di montagna, tenendo un’andatura vivace. Nonostante ciò, il consumo si è attestato intorno ai 6.5 l/100 Km. In altre parole, il potenziale c’è. Il merito di questo risultato è da attribuire, in parte, anche all’impeccabile cambio automatico a otto rapporti. Chiunque voglia personalizzare il proprio stile di guida può sempre sfruttare il pulsate dedicato, in grado di offrire due differenti sfaccettature. Quella dinamica e quella eco.

Peugeot 308 SW GT

Considerazioni per l’acquisto

Last but not least, prendiamo in considerazione l’aspetto economico. La versione provata era la top di gamma, la GT. Il suo prezzo, con la motorizzazione diesel, parte da circa 33 mila euro. Comunque, mettendone a budget circa 28 –sconti e promozioni escluse– sarete già in grado di mettervi in garage un’auto decisamente completa. Sotto tutti i punti di vista. Alla faccia delle Suv.

Peugeot 308 SW GT

Articoli precedente

Car of the Year 2021, le sette finaliste. Cerimonia di premiazione l'1 marzo

Articolo successivo

Q8 ha chiuso il giro di rialzi. Anche Tamoil è intervenuta di nuovo sul GPL