Home»Test»Al volante della nuova DS3 Crossback sulle strade dentro e fuori Roma

Al volante della nuova DS3 Crossback sulle strade dentro e fuori Roma

1
Condivisi
Pinterest Google+

Al volante della nuova DS3 Crossback sulle strade dentro e fuori Roma

Prima a benzina e gasolio, poi elettrica: la DS3 Crossback debutta nei concessionari nei prossimi due fine settimana. Il modello che, in qualche modo, raccoglie l’eredità della DS3 (in produzione fino al 2020), è il primo realizzato sulla nuova piattaforma modulare Multienergy di PSA. E, infatti, esibendo la stessa carrozzeria, sarà disponibile con tre alimentazioni differenti. Un’operazione che consente grandi economie di scala.

Serie limitata La Premiere a partire da 38.500 euro

Le prime DS3 Crossback ad arrivare saranno quelle della “solita” serie limitata, La Premiere, il cui listino parte da non meno di 38.500 euro. L’entry level ha un prezzo di 26.200 euro. Per la declinazione elettrica che esordisce entro la fine del 2019 servono 39.600 euro (con almeno 320 km di autonomia). Il marchio parigino punta sullo stile, senza compromessi. Tanto che sia le dimensioni del parabrezza sia quelle del lunotto posteriore sia dei vetri dietro sono “ridotti”. Tanto che per scoprire il meccanismo di apertura del portellone posteriore occorre ingegnarsi un po’.

Deliziose maniglie a scomparsa per le portiere

Al contrario, le maniglie delle portiere a scomparsa sono deliziose. E riappaiono quando chi è in possesso della chiave si avvicina ad un metro e mezzo. Nel test drive capitolino il motore a gasolio BlueTech 130 si è fatto apprezzare più di quello top di gamma da Puretech 155. E il cambio manuale a sei marce non è affatto male, anzi. Anche se nel caotico traffico romano si guida più rilassati con la trasmissione automatica a 8. La DS3 Crossback è comoda e appare ben più grande rispetto ai suoi 412 centimetri di lunghezza. Gli interni sono curati, anche se certe plastiche potrebbero essere più premium.

DS3 Crossback E-tense con 100 kWh di potenza

Il crossover francese dispone di un ampio ventaglio di personalizzazioni, oltre 2.000 anche grazie ai nove colori per la carrozzeria ed ai tre per il tetto. La Premiere a parte, gli allestimenti sono tre: So Chich, Performance Line e Business. Su tutti sono di serie i cerchi in Lega da 17” (da 18” per la serie limitata), il Lane Keeping Assist, l’Hill Assist, lo Speed Limit Sign Recognition & Adaptation ed il quadro strumenti digitale da 7”. I motori, tutti turbo, sono il tre cilindri benzina da 1.2 litri da 100, 130 e 155 cavalli ed il quattro cilindri diesel da 1.5 litri da 102 e 130 cavalli. La variante a zero emissioni E-Tense monta una batteria da 50 kWh ed un’unità da 100 kWh.

Articoli precedente

Citroën 19_19: una Concept autonoma ed elettrica per i 100 anni del brand

Articolo successivo

smart final #21, l'utlima tascabile termica prima del trasloco elettrico in Cina