Home»Test»Al volante della rinnovata Mini Clubman: un perfetto connubio di stile e sostanza

Al volante della rinnovata Mini Clubman: un perfetto connubio di stile e sostanza

0
Condivisi
Pinterest Google+

Tempo di aggiornamenti per la Mini Clubman. La famosa giardinetta inglese non stravolge la propria essenza, ma evolve lo stile con dettagli aggiornati, per rimanere al passo con i tempi. Fin dal primo sguardo spicca, per esempio, la griglia anteriore di nuova concezione, che ora si estende su tutto il paraurti. Inoltre, i profili fortemente modellati e una nuova presa d’aria dell’aria conferiscono alla vista frontale un aspetto particolarmente distintivo. La griglia del radiatore è delimitata da una cornice sottile composta da un unico pezzo.

La presa d’aria è separata in sei montanti neri orizzontali, che possono essere opzionalmente disponibili in una versione cromata. Le modifiche di stile includono anche i gruppi ottici con moduli led per anabbaglianti e abbaglianti, che generano una maggiore luminosità, e uno scudo anch’esso rifinito in nero. Un anello di luce bianco che circonda i fari serve sia come luce diurna che come indicatore di direzione. In combinazione con i fari a led opzionali (o adattivi a led) i fari posteriori orientati orizzontalmente presentano un nuovo design, che sottolinea le origini britanniche del brand. La struttura grafica delle loro sorgenti luminose traccia il modello astratto di Union Jack.

Mini Clubman

L’inconfondibile stile british della Mini

Gl’interni mantengono l’impostazione tipica del modello, ma arricchiscono ulteriormente i contenuti tecnologici. La rinnovata Clubman è infatti equipaggiata con una carta SIM, inserita in modo permanente nell’auto e conforme allo standard di telefonia mobile 4G. Ciò significa che è sempre disponibile una Intelligent Emergency Call, con rilevamento automatico della posizione del veicolo e della gravità dell’incidente, oltre al Mini TeleServices. Insieme alle opzioni Connected Navigation e Connected Navigation Plus, è ora possibile utilizzare il servizio di informazioni sul traffico in tempo reale, con i dati sulla situazione, il Concierge Service personale, la piattaforma Internet Mini Online e Apple CarPlay.

Mini Clubman

… ancora più tecnologica

Inoltre, l’attuale aggiornamento della Connected App offre un’ampia gamma di servizi digitali, che consentono di integrare senza problemi la pianificazione della mobilità nella routine digitale quotidiana. Ciò include la possibilità di inviare destinazioni di navigazione dallo smartphone al veicolo e ricevere informazioni sull’orario di partenza ideale, nonché sui servizi remoti. Quest’ultima funzione consente al conducente non solo di visualizzare la posizione del veicolo, il livello del carburante e altri dettagli dello stato del veicolo sul proprio dispositivo digitale, ma anche di attivare il lampeggiatore del faro, il clacson, l’aria condizionata e la funzione di blocco/sblocco della porta. A livello tecnico spicca la possibilità di dotare l’auto di sospensioni sportive, per abbassare l’assetto di 10 millimetri.

La gamma motori comprende due unità a benzina a 3 cilindri e una a 4 cilindri, oltre a un diesel a 3 cilindri e due 4 cilindri, tutti dotati dell’ultima generazione della tecnologia TwinPower Turbo. Al vertice della gamma la John Cooper Works. In alternativa alla trazione anteriore tipica della Mini, è disponibile il sistema ALL4. Per quanto riguarda la trasmissione,  in alternativa al cambio manuale a 6 marce si può optare per una trasmissione Steptronic a 7/8 velocità.

Mini Clubman_

Su strada la Cooper SD convince, alla grande.

Dopo avervi raccontato tutte le caratteristiche dell’aggiornamento, non resta che raccontarvi come va su strada l’inglesina fashion. Amando particolarmente le auto sportive, mi sarebbe piaciuto effettuare il primo test su strada con la John Cooper Works, che ha incrementato ulteriormente la propria potenza, arrivando a quota 306 cv. Purtroppo i colleghi mi hanno anticipato, “rubandomi” l’auto, e quindi ho optato per la Cooper SD ALL4, ovvero il top di gamma delle versioni diesel. E devo dire che mi ha sorpreso piacevolmente sotto tutti i punti di vista. In città, utilizzata come un buon padre di famiglia, risulta comoda, agile e parsimoniosa nei consumi. Ma la sua estrema versatilità saprà regalarvi anche delle soddisfazioni niente male durante una guida allegra.

Passando in modalità sport e affondando in maniera più decisa sul pedale del gas emergerà il classico gokart feeling, ormai un vero marchio distintivo di tutti i modelli Mini. Con sterzo preciso e motore particolarmente reattivo, grazie a una grande quantità di coppia a disposizione. Ben 400 Nm! Insomma, se state cercando una vettura di questa tipologia, la Clubman è sicuramente una proposta molto valida, da tenere in considerazione. Certo, il suo listino non è dei più economici, ma si sa, la qualità si paga.

 

Mini Clubman_

Articoli precedente

L'auto più venduta d'Italia diventa "modella", sfila la Fiat Panda Trussardi

Articolo successivo

Mitsubishi L200, fuoristrada in Andalusia con la sesta generazione