Home»Test»Subaru Forester 4Dventure: versione (ibrida) dalla vocazione outdoor

Subaru Forester 4Dventure: versione (ibrida) dalla vocazione outdoor

3
Condivisi
Pinterest Google+

La quinta generazione della Subaru Forester, in commercio dal 2019, ora è disponibile anche nell’inedita versione 4Dventure. Una declinazione pensata per accentuare l’animo intraprendente del modello. Così, il carattere di un’auto che affronta ogni tipo di percorso senza difficoltà, al di fuori del classico impiego quotidiano, viene accentuato attraverso dettagli dedicati.

Basta uno sguardo per riconoscerla. Fin da subito appare evidente la marcata linea arancione, sulla profilatura del paraurti anteriore. Linea estesa alle fiancate, più esattamente alle minigonne. Il tutto in abbinamento a vistosi cerchi neri –da 18 pollici– e barre porta tutto sul tetto. Non solo: a quest’ultimo si può aggiungere un porta sci, un porta bici o, addirittura, un porta kayak.

Il gioco di colori generato dal contrasto tra il nero e l’arancio (dei particolari) caratterizza pure l’abitacolo. Un ambiente dalla classica impostazione sobria e curata, tipica del marchio. Niente orpelli, strumentazione chiara e comprensibile. Detto ciò, passiamo all’aspetto dinamico. Al volante della 4Dventure, indubbiamente, ci si trova bene. Esattamente come sulle Forester “classiche”. L’unica differenza è l’impostazione tecnica, rivisitata per ospitare una power unit  ibrida.

Guida soddisfacente, prezzo da top di gamma

L’aggiunta di motore elettrico, batterie e relative componentistiche, inevitabilmente, ha comportato una variazione di peso e la relativa distribuzione delle masse in gioco.  Ad ogni modo nei classici spostamenti urbani ciò non influisce, in maniera consistente, sul comportamento della vettura. Anche perché la potenza complessiva a disposizione, paria a 150 cv, risulta soddisfacente per muoversi in tranquillità.

L’unico accorgimento, da tenere a mente, è che bisogna sempre essere delicati col pedale del gas. Così facendo otterrete un’ottima armonia tra i motori. A voler essere particolarmente pignoli, va riportato un neo,  rappresentato dal cambio cvt: non sempre risponde rapidamente a cambi di marcia e andatura.

Una piccola inezia influente sul comportamento positivo della Forester. Un tipico cliente, infatti, difficilmente cercherà cambi di marcia da pilota. Piuttosto preferirà un’andatura serena e regolare, rimanendo sicuramente soddisfatto.  E se ogni tanto ci si vuole anche divertire –nei limiti del possibile– non ci sono problemi. C’è la modalità manuale con paddle al volante, per far “cantare” meglio la meccanica. Mentre su strade sterrate, in vostro soccorso ci sono la trazione integrale permanente e la modalità fango.

Durante le vacanze invernali, poi, potrete raggiungere la vostra località di montagna preferita in serenità. In caso di bisogno, potrete sempre sfruttare la modalità neve. Infine, i prezzi. Il listino della 4Dventureparte da 42.500 euro. Non poco. In compenso bisogna tenere in considerazione il tipo di allestimento, con dotazioni complete. Sia per la vostra sicurezza, sia per il divertimento outdoor.

Articoli precedente

Enigma, la serie limitata della Nissan Juke compatibile con Alexa

Articolo successivo

Kia, il nuovo logo è accompagnato dal motto "movimento che ispira"