Home»Test»Su strada con l’aggiornata Volkswagen Passat GTE, la ibrida plug-in

Su strada con l’aggiornata Volkswagen Passat GTE, la ibrida plug-in

0
Condivisi
Pinterest Google+

Su strada con l’aggiornata Volkswagen Passat GTE, la ibrida plug-in

Per le flotte, ma non solo: l’aggiornata Volkswagen Passat è un’auto che “multiuso”. Soprattutto se si opta per la variante GTE, cioè ibrida plug-in, che garantisce il 31% di autonomia a zero emissioni in più. Ma nel Dna di questo modello c’erano e restano i lunghi viaggi. Per i quali offre non solo un abitacolo comodo e spazioso (2,8 metri di passo) ed un bagagliaio generoso, ma anche nuovi ed efficienti motori.

Volkswagen Passat

Motori a benzina e diesel omologati Euro 6d-Temp. Quello ibrido è già Euro 6d

Quelli a benzina e diesel sono Euro 6d-Temp, mentre quello ibrido è Euro 6d. La rivisitazione della Volkswagen Passat riguarda in particolare gli aspetti tecnologici con le più avanzate funzioni IQ Drive reperibili a Wolfsburg e con le soluzioni di connettività per consentire a chi è a bordo di non perdere contatto con la realtà. Ci sono la nuova piattaforma di infotainment MIB3 ed i servizi We Connect Plus, che in Italia vengono offerti gratuitamente per un anno. Con il restyling, la Volkswagen Passat monta di serie il Travel Assist, un pacchetto di quattro sistemi di assistenza alla guida che comprende il nuovo Cruise Control predittivo, che si inserisce mediante un solo tasto.

Volkswagen Passat GTE

L’entry level, la berlina a benzina, ha un prezzo che parte da 33.600 euro

Con una doppia pressione su un pulsante si può invece escludere la funzione del mantenimento in carreggiata, che in alcune situazioni di traffico non è effettivamente di troppo aiuto. In Italia viene offerta una sola motorizzazione a benzina, il TSI da 1.5 litri da 150 CV, disponibile sia con il cambio manuale sia con il DSG. L’unità rappresenta l’entry level alla gamma: la berlina equipaggiata con questo motore viene proposta a 33.600 euro. Per la station wagon servono mille euro in più. Sul fronte del gasolio la scelta è più naturalmente più ampia, anche se il propulsore più venduto sarà il TDI da 2.0 litri da 190 CV, disponibile anche a trazione integrale.Volkswagen Passat R-Line

La Volkswagen Passat GTE monta il TSI da 1.4 litri abbinato ad un’unità elettrica

“Sotto” ci sono l’unità da 1.6 litri da 120 CV e lo stesso duemila turbodiesel da 150 CV. Il top di gamma è costituito dal biturbo da 2.0 litri da 240 CV. Le due unità più potenti sono quelle che si possono avere optando per la Alltrack (da 43.900 euro), l’allestimento ad assetto leggermente rialzato con il quale non si devono temere i percorsi più accidentati. Il sistema che alimenta la GTE è basato sul TSI da 1.4 litri (in sostituzione del motore millecinquecento impiegato finora) abbinato da un’unità elettrica per una potenza complessiva di 218 CV. La nuova batteria agli ioni di liti ha una capacità di 13 kWh ed assicura un’autonomia a zero emissioni di 56 chilometri nel nuovo ciclo WLTP (55 per la Variant). Le prestazioni sono interessanti, anche perché l’unità elettrica supporta quella termica quando serve coppia (anche oltre i 140 km/h).

Volkswagen Passat Alltrack

Un solo livello di recupero dell’energia, ma guida divertente e sicura

Il Travel Assist è un compagno di viaggio affidabile, che consente a chi guida di concentrarsi solo sul volante: accelerare e rallentare sono responsabilità che si possono assegnare alla macchina. Che con il sistema di navigazione impostato è ancora più diligente nelle indicazioni e, ad esempio, abbassa la velocità anche in prossimità di una svolta necessaria per seguire il percorso. La Volkswagen Passat GTE è brillante quando si pigia con decisione sul pedale dell’acceleratore, è precisa nella risposta ed è razionale nei consumi. Che possono essere anche superiori a quelli dichiarati, soprattutto quando si prende confidenza con il sistema di recupero dell’energia. Che, purtroppo, è ad un solo livello: significa che per la soluzione del “pedale unico” bisognerà pazientare ancora In Italia il prezzo parte dei 50.950 euro, ma rientra fra i modelli incentivati con il bonus governativo. Gli ordini sono aperti, la commercializzazione scatta in autunno.

Volkswagen Passat GTE

Articoli precedente

Anche Tamoil corregge al rialzo i prezzi di benzina e diesel

Articolo successivo

Compatto e chic: DS3 Crossback, il suv per guidare con stile