Home»Test»Renault Mégane Sporter E-Tech Plug-in Hybrid: la station francese si elettrifica

Renault Mégane Sporter E-Tech Plug-in Hybrid: la station francese si elettrifica

5
Condivisi
Pinterest Google+

Tempo di novità per la Renault Mégane Sporter. La station wagon francese presenta aggiornamenti mirati, pensati per permetterle di rimanere al passo coi tempi. Modifiche allo stile e alla tecnologia. Il tutto in abbinamento a un’inedita motorizzazione, ibrida plug-in.

I cambiamenti estetici si concentrano, prevalentemente, nel frontale. Fin da primo sguardo, infatti, si possono notare le rivisitazioni di calandra e paraurti. Allo svecchiamento del look contribuiscono anche nuovi gruppi ottici con tecnologia a led, dettagli cromati e specifici cerchi in lega. Al contempo gl’interni si mostrano più curati e hi-tech. Sellerie con rivestimenti maggiormente pregiati si coniugano a una strumentazione d’ultimissima generazione.

La nuova Mégane – a seconda della versione scelta– adotta, per la prima volta, un cruscotto completamente digitale, con display da 10.2 pollici. Inoltre, sulla plancia è montato il nuovo display multimediale da 9.3 pollici. Uno strumento in grado di offrire il doppio della superficie di visualizzazione, se paragonato al suo predecessore.

Ancora: l’allestimento R.S. Line fa il suo ingresso nella famiglia Mégane sostituendo la GT Line, che ha supportato la strategia della gamma Renault Sport su tutti i mercati dal 2010. All’esterno, la versione R.S. Line presenta la lama F1, firma emblematica dei modelli R.S. Si distingue anche per la griglia a nido d’ape, i cerchi in lega da 17’’ Monthlery o da 18’’ Magny- Cours. All’interno, sedili sportivi con supporto laterale rafforzato, inserti con look carbonio, volante sportivo in pelle traforata e pedaliera in alluminio.

Indipendentemente dal modello scelto, oltre alla tecnologia la Mégane Sporter impiega molteplici sistemi di assistenza, capaci d’incrementare notevolmente la sicurezza attiva. Il completo elenco comprende ben 16 dispositivi di assistenza, tra cui la frenata d’emergenza attiva con riconoscimento dei pedoni. Non mancano poi il cruise control adattativo, il mantenimento di corsia, il sensore riservato a rilevare l’angolo morto e il rilevatore di stanchezza. Invariate la spaziosità, la versatilità e la capienza del bagagliaio. Mégane Sporter E-Tech dispone, per l’utilizzo quotidiano, di un volume sopra il pianale di 447 litri. Valore che può arrivare fino a 1.408, abbattendo i sedili posteriori.

LEGGGI ANCHE –> RENAULT TWINGO ELECTRIC: FINALMENTE ARRIVA LA CITY CAR FRANCESE A BATTERIA

Renault Mégane Sporter E-Tech Plug-in Hybrid

L’architettura del gruppo motopropulsore prevede due motori elettrici, una batteria agli ioni di litio (da 9,8 kWh) e la trasmissione Multi- mode con innesto a denti priva di frizione, associata ad un aggiornato motore benzina da 1,6 litri. Il motore elettrico principale e-Motor fornisce direttamente trazione alle ruote, muovendo la vettura. L’HSG è il secondo motore elettrico e funziona, prima di tutto, da sincronizzatore. Lavorando ad una tensione di 400 Volts avvia istantaneamente il motore termico, portandolo subito ai giri giusti per l’inserimento della marcia corretta.

In sostanza, grazie al collegamento tramite ingranaggi al volano del motore a benzina, se serve potenza aggiuntiva, l’HSG mette istantaneamente a disposizione il motore termico per questa spinta o per ricaricare la batteria. Oltre a questo, l’HSG recupera l’energia cinetica del motore a combustione che viene poi inviata alla batteria. Il motore termico è un 1.6 benzina aspirato di nuova generazione, completamente riprogettato per l’occasione e omologato euro 6dfull. Nel complesso, la power unit genera una potenza di 160 cv.

Prendendo in considerazione l’aspetto elettrico, la Mégane E-Tech Plug-in Hybrid ha un’autonomia che le consente di circolare in modalità zero emissioni fino a 135 km/h; per 50 chilometri in ciclo misto (Wltp) e fino a 65 chilometri in ciclo urbano (Wltp City). Nel ciclo misto, stando ai dati ufficiali, la station dovrebbe consumare solo 1,3 l/100 km, emettendo 28 grammi di CO2/km.

LEGGGI ANCHE –> ASSALTO ALL’INDIA, IL CONCEPT RENAULT KIGER DA MENO DI 4 METRI DI LUNGHEZZA

Renault Mégane Sporter E-Tech Plug-in Hybrid

In altre parole, la nuova variante elettrificata si pone un grande obiettivo: garantire un dispendio di carburante particolarmente contenuto. In ogni situazione, indipendentemente dal tipo d’impiego. Indubbiamente l’impostazione tecnica è valida, così come i dati ufficiali lasciano ben sperare. Avendo effettuato un primo contatto molto circoscritto, durato meno di due ore, fornirvi valutazioni dettagliate o dati concreti in merito sarebbe scorretto. In attesa di una prova maggiormente corposa – al fine di valutare al meglio l’effettiva efficienza – posso però raccontarvi le prime sensazioni di guida.

L’aspetto maggiormente apprezzato riguarda la fluidità di marcia, con passaggi da una motorizzazione all’altra praticamente inavvertibili. Se guidata come un buon padre di famiglia, infatti, la Mégane asseconda le progressioni in maniera dolce e lineare. La discreta quantità di potenza a disposizione, abbinata a una reattività repentina data dal motore elettrico, all’occasione permette anche una guida brillante. Ovviamente, a discapito dei consumi e dell’autonomia. Logicamente non è il modello adatto per parlare di divertimento, né tantomeno di performance. D’altronde è stata progettata con altri intenti.

Ad ogni modo, sapere di “averne a sufficienza” per effettuare un sorpasso in tranquillità, o togliersi dagli impicci, fa sempre piacere. Nonostante le dimensioni tipiche da station e il peso maggiorato (dalla batteria e dalla componentistica elettrica annessa) la manovrabilità rimane soddisfacente. Infine, l’assetto turistico filtra bene buche e asperità, garantendo un confort di livello.

Renault Megane Sporter

Last but not least, l’aspetto economico. Il listino prezzi della station parte da 36.950 euro nell’allestimento business e da 39.950 in quello R.S. Line.  A questo bisogna inoltre aggiungere che Mégane Sporter E-Tech Plug-in Hybrid accede agli incentivi statali pari a 2.500 o 4.500 euro in caso di rottamazione, oltre che agli eventuali incentivi aggiuntivi previsti dalle amministrazioni locali. L’offerta lancio prevede un finanziamento con rata da 249 euro al mese, con vantaggi che possono arrivare fino a 9.500 euro.

Articoli precedente

Dalla ricerca alla produzione della felicità, Toyota per "un futuro migliore"

Articolo successivo

Il primo aumento del 2021 è di Q8, intervenuta su benzina e diesel