Home»Test»Renault Megane Sporter: una station wagon dinamica e versatile

Renault Megane Sporter: una station wagon dinamica e versatile

6
Condivisi
Pinterest Google+

Presentata allo scorso Salone di Ginevra, la nuova Renault Megane Sporter arriva ora nelle concessionarie. La station wagon francese – proposta a partire da 19.900 euro – riprende il design, gli allestimenti e i contenuti introdotti dalla “sorella” berlina. Il suo punto di forza aggiuntivo, ovviamente, sta nella coda allungata che garantisce un’elevata spaziosità e modularità, a vantaggio dei passeggeri posteriori e non solo…

La capacità di carico del baule, che va da 580 a 1.504 litri, è infatti in grado di soddisfare tranquillamente le esigenze dello shopping settimanale e della vacanza di una famiglia media. Inoltre, trasportare oggetti particolarmente ingombranti e lunghi non è affatto un problema, in quanto basta abbattere il divanetto posteriore e il sedile passeggero per poter sfruttare una lunghezza di ben 2.70 m. Un ulteriore elemento particolarmente apprezzato è dato dalla presenza di molteplici vani portaoggetti. Sempre molto utili, soprattutto quando ci si muove in tanti.

Come per tutti i modelli d’ultima generazione della Losanga, il cuore tecnologico dell’abitacolo è rappresentato dal sistema R-LINK 2 con schermo touch screen (da 8.7 pollici) attraverso il quale si possono consultare e gestire le principali funzionalità di bordo. In tal proposito, prima di procedere oltre, è doveroso aprire una piccola parentesi per evidenziare un’interessante iniziativa: TomTom Traffic, un catalogo di applicazioni coerenti con un utilizzo automobilistico (guida Michelin, Coyote e molte altre, in funzione dei Pasi), e l’aggiornamento delle mappe Europa (a seconda dei Paesi) rientrano in un pacchetto utilizzabile gratuitamente per un anno.

Immancabile poi il Multi-sense, per cambiare la personalità della vettura a seconda delle proprie esigenze. Il folto elenco di sistemi di assistenza alla guida si abbina a una completa gamma motori; la possibilità di scelta è fra quattro benzina e sei diesel. Le aspettative di vendita, sul “nostro” mercato, si concentrano prevalentemente sul dCi 110: un motore capace di farsi apprezzare grazie a un’erogazione molto lineare e progressiva.

Nel classico impiego quotidiano risulta un fedele compagno di viaggio, dall’animo tranquillo, ma se lo si stuzzica risponde egregiamente mettendosi in modo efficace e repentino sull’attenti. In tali circostanze non si tira indietro, regalando al conducente una guida divertente. Può essere abbinato alla trasmissione automatica a doppia frizione con sei rapporti, non velocissima nelle cambiate ma comunque all’altezza della situazione.

I più esigenti, alla ricerca di maggiore grinta, possono optare per le versioni top di gamma, ovvero la Renault Megane Sporter GT dCi 165 (con cambio EDC a sei marce) e la GT TCe 205 (con EDC a sette rapporti). Entrambe beneficiano del pulsante R.S. Drive, del sofisticato sistema a quattro ruote sterzanti 4CONTROL e dettagli specifici, dal colore Blu Iron della carrozzeria ai sedili avvolgenti con poggiatesta integrati. Se ciò non dovesse bastare a placare la vostra “vena” sportiva, dovete sapere che avete a disposizione due “chicche” in perfetto stile Renault Sport. Stiamo parlando del Launch Control e del Multi-Change down. Quest’ultimo consente di scalare in frenata più rapporti insieme, semplicemente esercitando una lunga pressione sulla levetta sinistra dietro il volante. Detto ciò, a voi la scelta!

Articoli precedente

Nuovo indirizzo firmato Citroen per i frequentatori delle notti milanesi

Articolo successivo

FCA: Gianluca Italia suggerisce incentivi duraturi, anche se contenuti