Home»Test»Renault Talisman Sporter: spazio all’agilità e al comfort

Renault Talisman Sporter: spazio all’agilità e al comfort

0
Condivisi
Pinterest Google+

Dopo aver lanciato a fine 2015 la nuova berlina Talisman, Renault rafforza la sua presenza nel segmento D con la versione station wagon, denominata Sporter. Un modello fondamentale per la Casa francese, specialmente in Italia, dove nel segmento di appartenenza della Talisman tre auto su dieci sono con famigliari e l’80% sono destinate al settore business, che con i suoi volumi sta trainando le vendite. La Renault Talisman Sporter va però a inserirsi in una fascia di mercato “affollata” di concorrenti: Volkswagen Passat, Ford Mondeo, Peugeot 508 e Opel Insignia per citare alcune. Una schiera di competitor che la Talisman station wagon punta a battere giocando calando due assi nella manica: sistema 4Control e il MultiSense.

Il primo è il sistema di quattro ruote sterzanti di Renault. Grazie a questa tecnologia, che in base alla velocità permette alle ruote posteriori di seguire la direzione di quelle anteriori oppure di ruotare leggermente in senso opposto, la Talisman si muove agilmente in città e sui percorsi ricchi di curve, nonostante le sue dimensioni siano importanti. Il MultiSense, invece, regola dieci parametri dell’auto in base ai 5 programmi di guida disponibili (comfort, sport, eco, neutro e perso). In pratica è come se l’auto si adattasse per assecondare l’umore del guidatore. Se in Sport, per esempio, sterzo, cambio automatico, assetto e risposta del motore si fanno più “pronti”, in comfort le tarature diventano più morbide e si attiva la funzione massaggiante del sedile.

Con dimensioni praticamente identiche a quella della berlina (è più lunga di solo un centimetro e 4,86 in totale), la Talisman Sporter accoglie comodamente anche cinque adulti e propone un abitacolo curato per finiture e scelte dei materiali utilizzati: la sensazione di qualità percepita è alta. Il bagagliaio – capitolo importante su una station wagon – è generoso e ben sfruttabile: il volume varia da 572 litri a circa 1.700 quando si reclinano i sedili posteriori e non manca la funzione di apertura e chiusura automatica con un movimento del piede sotto il paraurti, molto comoda quando si hanno entrambe le mani impegnate.

Analoga alla Talisman berlina è anche la gamma motori, con il benzina TCe da 150 oppure 200 cv e tre motori turbodiesel: 1.5 dCi da 150 cv, 1.6 da 130 cv e 1.6 twin turbo da 160 cv abbinato di serie al cambio automatico a doppia frizione EDC (disponibile come optional per gli altri turbodiesel). Per la prova della Talisman Sporter, ci siamo messi al volante delle versioni con i diesel più potenti: detto che quello da 160 cv offre un’erogazione sempre corposa e prestazioni brillanti (213 km/h di velocità massima e 9,6 secondi per lo 0-100 km/h), quello da 130 cv si dimostra equilibrato e in grado di soddisfare le esigenze della maggior parte degli automobilisti: secondo le previsioni di Renault sarà il motore più richiesto. A prescindere dal motore scelto, il consiglio è quello di optare sempre il cambio automatico a doppia frizione EDC: assicura passaggi di marcia veloci e puntuali e si dimostra decisamente più piacevole da utilizzare del manuale a sei marce. Su strada la Talisman Sporter si dimostra essere una station wagon votata al comfort e rilassante anche nei viaggi più lunghi: l’assorbimento delle sospensioni e l’insonorizzazione dell’abitacolo sono decisamente buone.

Come per la berlina, anche la gamma della Renault Talisman Sporter si suddivide in tre allestimenti:Zen, Intens e Initiale Paris. Su tutte le versioni sono compresi luci diurne a led, climatizzatore bizona, sensori di parcheggio posteriori e cruise control. L’allestimento Intens aggiunge fanali full led, vetri oscurati posteriori, telecamera posteriore, e i sistemi di ausilio per l’angolo cieco e l’allerta di superamento involontario di corsia. Praticamente full optional, infine, la Initiale Paris: cerchi in lega da 19″, schermo touch da 8,7″, navigatore satellitare, impianto audio Bose, cruise control adattivo e head-up display. Per quanto riguarda il listino, i prezzi partono da 30 .600 euro della Talisman Sporter 1.5 dCi Zen per arrivare ai 44.200 euro della 1.6 dCi da 160 cv EDC Intiale Paris.

Articoli precedente

25 anteprime al Parco Valentino, il salone all'aperto di Torino

Articolo successivo

Un mondo di comfort: Suzuki Vitara e le altre automatiche