Home»Test»Skoda Kodiaq: ecco un grande suv a piccoli prezzi

Skoda Kodiaq: ecco un grande suv a piccoli prezzi

0
Condivisi
Pinterest Google+

Skoda Kodiaq. Per la Casa ceca non è un vero e proprio debutto nel campo degli sport utility: c’è già in gamma la più piccola Yeti, ma qui è ben chiaro che la posta in gioco è più alta, con la chiara intenzione di dare fastidio ad altri competitor presenti già da tempo nel segmento delle suv full-size.

Partiamo dalle dimensioni: stiamo parlando di un mezzo di circa 4 metri e 70 centimetri che è disponibile anche in configurazione 7 posti, una “magia” resa possibile dal pianale modulare MQB, già usato dalla cugina Volkswagen Tiguan ad esempio. Una lunghezza importante ma che comunque non rende goffa la Kodiaq e offre un’ottima abitabilità interna: come già ci era capitato sulla Superb, alloggiare nella seconda fila di sedili dà sempre una bella sensazione di ariosità e comfort grazie a quella spanna abbondante che separa le ginocchia dallo schienale dei sedili anteriori. Altro risvolto positivo è la capacità di carico: a seconda delle combinazioni e del posizionamento dei sedili, si può andare da 270 fino agli oltre 2.000 litri, con una grande versatilità.

La Kodiaq però vuole anche accontentare non solo chi ha bisogno di spazio e comodità, ma anche chi vuole allontanarsi dall’asfalto e sporcarsi un po’ le ruote, a patto di non cercare un fuoristrada estremo. Questa suv è infatti disponibile sia in versione 4×4 che a due ruote motrici, con cambio manuale a 6 rapporti o con automatico doppia frizione DSG a 7 marce, che regala sempre cambiate estremamente fluide e fulminee.

I motori da scegliere sono sostanzialmente due: uno a benzina, il 1.4 TSI, quindi sovralimentato ad iniezione diretta, da 125 CV e il 2.0 TDI a gasolio nelle due varianti da 150 e 190 CV. Nel nostro giro di prova abbiamo potuto saggiare le due unità turbodiesel e possiamo dire che muovono la Kodiaq in scioltezza in ogni occasione, anche nella variante meno potente, ma di certo non dovete aspettarvi un comportamento eccessivamente grintoso, soprattutto nel misto stretto. La Kodiaq, come è giusto, dà il  meglio nei lunghi trasferimenti, a velocità autostradale fornendo comfort e spazio in quantità, buoni materiali e un’abitabilità ai vertici della categoria, con prezzi d’attacco abbastanza aggressivi: si parte dai 23.950 euro per la entry level 1.4 TSI in allestimento Active per fermarsi ai 39.450 euro della 2.0 TDI da 190 cavalli con cambio DSG e a trazione integrale.

Articoli precedente

Nuova BMW Serie 5: a un passo dalla guida autonoma

Articolo successivo

Al via la stagione 2017 della trasmissione in TV, con tante novità