Home»Test»Su strada con la Ford Edge: la suv che arriva dagli Usa

Su strada con la Ford Edge: la suv che arriva dagli Usa

0
Condivisi
Pinterest Google+

La Ford Edge, un modello che in Usa esiste dal 2007, è stata completamente rinnovata lo scorso anno e dalla fine dell’estate sarà in vendita anche da noi per arricchire la gamma di suv e crossover di Ford che, verso la fine dell’anno, si arricchirà della terza generazione della Kuga, per completarsi entro la fine del 2018 con altri tre modelli.

La Ford Edge misura 4,81 metri di lunghezza e ha un “fisico” degno delle grandi crossover Audi, Bmw, Mercedes e Volvo, rispetto alle quali, però, ha un prezzo inferiore. Il listino parte da poco più di 46 mila euro: non si tratta quindi di una vettura economica, però come sempre accade in casa Ford, il rapporto tra prezzo e contenuti è molto favorevole. E per una versione Titanium – che sarà la più richiesta anche per la dotazione definita in base alle sulle esigenze del mercato business – ne servono almeno 49 mila.

La Ford Edge ha un design personale soprattutto nella vista anteriore e nel complesso è un’auto che sa farsi riconoscere. Dentro è molto spaziosa e nella zona posteriore dell’abitacolo regala un’abitabilità al vertice della categoria e superiore a quella di concorrenti dalle dimensioni esterne superiori. Il bagagliaio ha una capacità notevole: 602/1847 litri. Non offre, però, neppure a richiesta, i  7 posti.

Nonostante qualche plastica un po’ economica, l’interno offre una sensazione di completezza e consistenza. Già l’allestimento base Plus, offre clima bizona, cerchi da 19 pollici, retrocamera e numerosi sistemi elettronici di ausilio alla guida, mentre il Titanium aggiunge navigatore satellitare, sensori di parcheggio anteriori e posteriori, apertura/chiusura elettrica del portellone, sedili sportivi e riscaldabili (come la corona volante) e una praticissima presa di corrente a 230 volt.

In Italia la Ford Edge sarà solo a trazione integrale e monterà motori 2 litri turbodiesel da 180 CV (solo con cambio manuale a 6 marce) o biturbodiesel da 210 CV (solo con trasmissione automatica a doppia frizione a 6 marce).

Entrambi sono ricchi di coppia e permettono alla Ford Edge spunti e andature rilevanti. Sono anche sorprendentemente silenziosi (le versioni Titanium e Sport hanno anche un sistema attivo di soppressione del rumore) ed è un peccato che il meno potente non possa avere la trasmissione automatica perché sarebbe già sufficiente per le esigenze della vettura.

Sui percorsi guidati il peso della Ford Edge (che a pieno carico supoera le 2 tonnellate e mezzo) si fa sentire, ma le sospensioni piuttosto la mantengono sempre molto composta e permettono anche qualche licenza sportiva. Questo vale a maggior ragione per l’allestimento Sport, che ha cerchi da 20 pollici, assetto ancora irrigidito e sterzo a rapportatura variabile, il quale, però, manca un po’ di sensibilità, almeno per le esigenze dei guidatori più esigenti.

Articoli precedente

Paolo Andreucci vince il rally di Sicilia, la 100° Targa Florio

Articolo successivo

Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio: un mostro in pista e su strada